MotoGP, Viegas: "In Qatar tutti erano spaventati dai piloti italiani"

"Il prossimo anno speriamo sarà tutto più normale ma con lo stesso equilibrio di questa stagione. Questa è l'essenza del nostro sport"

Share


Gala di premiazione per il motomondiale al termine della stagione 2020. Durante la celebrazione anche il Presidente della FIM Jorge Viegas è intervenuto per ringraziare tutti i partner e lanciare un ultimo messaggio al mondo della MotoGP. 

"Quando abbaiamo iniziato a marzo in Qatar ricordo che discusso sul fare o meno il GP, poi abbiamo deciso di correre con i piloti che erano già a Losail - ha detto - Dopo la gara ricordo che nessuno voleva andare sul podio perché erano spaventati dai piloti italiani, in Italia c’erano già molti problemi legati al Covid. Poi siamo stati a casa ma abbiamo sempre lottato per tornare. Grazie a tutte le persone incredibili del mondo dei motori siamo stati in grado di tornare e con successo. Abbiamo fatto 14 grandi gare e oggi abbiamo concluso tutto questo. I fan sono qui, ci seguono anche se non sono stati fisicamente con noi e sono sicuro che questo sia il miglior sport motoristico del mondo. Voglio ringraziare Carmelo e Dorna, l’MSMA, l’IRTA, i team, le Case, i piloti e tutte le persone che lavorano dietro le quinte per rendere tutto questo possibile. Possiamo solo avere successo in futuro e spero che il prossimo anno sarà più normale ma con lo stesso equilibrio di questa stagione. Nessuno sa chi vincerà, questo è l’essenza di questo sport e il perché del nostro successo"

Articoli che potrebbero interessarti