MotoGP, Crutchlow: "Domenica notte alle 5, io e Miller nel motorhome di Mir"

"Volevamo svegliarlo, ma era già andato a casa e si era portato via la coppa. Oggi, in qualifica, ho rischiato di perdere Jack nel giro di uscita"

Share


Cal Crutchlow mancherà molto alla MotoGP, non solo in pista ma anche per il suo modo di fare e la sua ironia. Ascoltare il britannico è sempre uno spettacolo, per il suo senso dell’umorismo e i suoi racconti. Anche dopo le qualifiche a Portimao non si è tirato indietro con qualche aneddoto.

Se dormirò bene questa notte? Penso di sì, non sarà una notte come quella dopo la gara di domenica scorsa a Valencia, altrimenti non riuscirei a essere sullo schieramento. Volete sentire una storia?”.

La risposta è scontata.

Dopo il GP, Cal, Miller, Sam Lowes e Dakota Mamola avevano pensato di festeggiare un po’ e di concedersi qualche bicchiere.

La cosa più divertente è stata che verso le 5 del mattino siamo andati al motorhome di Mir e abbiamo visto che la porta era leggermente aperta. Così siamo entrati per svegliarlo, ma se ne era già andato a casa. Allora abbiamo cercato la coppa per farci una foto, ma se l’era portata via”.

La retata non è andata a buon fine, ma Cal ha un altro bel ricordo. Come quello delle sue ultime qualifiche, finite al 4° posto. Anche grazie alla complicità di Miller.

Sapete che siamo amici, a parte quando mi è venuto addosso a Silverstone nel 2015 - ha scherzato Crutchlow - Non lo avevamo programmato ma è successo, ha molto rispetto per me e poi io sono vecchio, non è così facile per me. La cosa divertente è stata che sa che quanto io fatichi nel giro di uscita e lui si è messo a tirare come un pazzo per prendere Morbidelli o qualcun altro. Per fortuna sono riuscito a non perderlo”.

Le cose poi sono andare bene.

“Peccato per un errore nell’ultima parte della pista, avrei potuto giocarmi la prima fila, magari anche la pole - ha continuato - Però è bello sapere che sono ancora il 4° pilota più veloce del mondo, almeno in qualifica. Man mano che passano i giorni questo fine settimana diventa sempre più emozionante, ma è normale che sia così. È stato bello vedere Lucio, Beefy e tutti i ragazzi nel box contenti. Soprattutto dopo aver passato al primo posto le Q1 ha sorriso.

Domani sarà la sua ultima gara, almeno da pilota a tempo pieno.

Non so veramente cosa aspettarmi - ha detto - So solo che sarà meglio se non sarò in gruppo, dietro a un altro pilota, perché con la Honda facciamo traiettorie un po’ particolari”.

Share

Articoli che potrebbero interessarti