MotoGP, Aleix Espargaro: "Ho chiesto ad Aprilia di avere a fianco un pilota veloce"

Lo spagnolo, sorpresa della giornata, 3° tempo nella combinata, ha valutato Lorenzo Savadori e Joe Roberts: "purché sia veloce, ho bisogno di un compagno che mi spinga. Nel 2021 puntiamo ad essere nei primi sei"

Share


L'ottovolante di Portimao si è rivelato terreno di caccia ideale per Aprilia, grazie a un velocissimo Espargarò e a un Savadori in evidente crescita.

Se nella prima sessione mattutina Aleix e Lorenzo hanno potuto sfruttare l'esperienza fatta nei test su questa pista, i tempi sono andati migliorando molto velocemente. Importante quindi l'incisività mostrata anche nelle FP2 del pomeriggio, concluse da Aleix al terzo posto con un distacco di 2 decimi.

"Chiaramente nelle FP1 abbiamo sfruttato i dati del test, ma con due sessioni così lunghe gli altri piloti hanno fatto presto ad alzare il livello. Come ho già detto ieri questa cosa non mi è piaciuta, perché ha vanificato il vantaggio che Aprilia aveva grazie alle concessioni - ha detto Aleix - sono comunque molto contento del terzo tempo, perchè essere davanti anche nelle FP2 significa che abbiamo davvero fatto un buon lavoro. Oltre al giro veloce, siamo stati competitivi con gomme usate, un aspetto importante perchè in gara il degrado sarà cruciale specialmente negli ultimi dieci giri. Domani lotterò per confermarmi nella top-6, credo sia un risultato che sia io sia il team meritiamo".

Portimao piace a tutti i piloti e il più grande dei fratelli Espargarò non fa eccezione.

“Oggi c’era poco grip, ma domani migliorerà sicuramente. Come dicevo la cosa di cui sono maggiormente contento è che abbiamo dimostrato di avere un buon ritmo. Puntiamo alla prima o alla seconda fila in qualifica”.

Ovviamente con Aleix si è parlato molto anche della situazione piloti, visto che Aprilia è ancora a caccia della seconda guida.

“Io però non parlerei di seconda guida, non voglio essere il primo pilota - ha puntualizzato - a Massimo Rivola posso solo chiedere di prendere il pilota più veloce disponibile. Ovviamente sappiamo che al momento non sarà facile. Siamo tutti coinvolti in questa cosa perché il mio obiettivo per il 2021 è entrare nei primi sei del mondiale”.

Lorenzo Savadori, visto anche quello che ha fatto qui a Portimao non potrebbe essere la scelta giusta?

“Lorenzo? La cosa buona non è solo la velocità che ha dimostrato ma il suo approccio alla MotoGP. Lo ho seguito e le sue linee dimostrano che sta imparando a guidare queste moto”.

Recentemente è stato fatto il nome di Joe Roberts come possibile pilota Aprilia.

“Ero in Qatar per il primo GP dell’anno della Moto2. Lui mi piace, in gara mi ha impressionato. Sta crescendo e la cosa che apprezzo di più è che è un pilota che non si accontenta, piuttosto cade. E’ una buona opzione e poi è americano, e abbiamo bisogno di piloti americani”.

A che punto siete come competitività con la RS-GP?

“Quando la ho provata, all’inizio dell’anno, ero contento. Poi le cose sono peggiorate ma adesso nelle ultime gare stiamo più spesso davanti e combattiamo per la seconda o la terza fila. Il mio obiettivo qui è finire fra i primi sei”.

Articoli che potrebbero interessarti