BMW S 1000 R my2021: svelata la nuova Hypernaked - Caratteristiche, foto e video

La roadster bavarese da 165 CV per 200 Kg si aggiorna attingendo direttamente dalla sorella supersportiva S 1000 RR. Motore alleggerito, telaio nuovo e diversi riding mode. Non manca un quadro strumenti multimediale

Iscriviti al nostro canale YouTube

Share


La roadster BMW S 1000 R, l'ultima ad essere aggiornata della famiglia "4 in linea", è ora completamente nuova sia nel telaio che nel motore. Il look sportivo non mente, infatti la meccanica è strettamente derivata dalla supersportiva con l’iconica sigla ‘RR’. Il propulsore, quattro cilindri in linea, con i suoi 165 CV a 11.000 giri/min perde un po’ di cavalli rispetto alla più ‘pistaiola’ donatrice, ma possiede una coppia vigorosa superiore a 80 Nm già a 3000 giri/min. Il picco lo esprime a 9.250 giri/min toccando un valore pari a 114 Nm. L’erogazione corposa è sottolineata da un valore superiore a 90 Nm in un ampio range: da 5.500 a 12.000 giri/min. Il nuovo motore fa segnare anche un bel – 5kg sulla bilancia.

Non solo prestazioni ma anche attenzione ad emissioni e consumi. Il propulsore, con un nuovo scarico alleggerito, rispetta la normativa EURO5. Il rapporto di trasmissione delle ultime tre marce (4°,5° e 6°) è stato allungato per migliorare comfort e consumi a velocità di crociera. Oltre ad una frizione anti-saltellamento, è disponibile come optional la gestione elettronica del freno motore (MSR) impedendo alla coppia di trascinamento di far bloccare la ruota posteriore nelle brusche scalate.

Il nuovo telaio alleggerito, denominato Flex Frame, mette in risalto la funzione portante del motore rispetto al precedente modello. Questa architettura si traduce in una riduzione degli ingombri laterali della moto, nella zona di contatto con il ginocchio, permettendo maggior movimento al pilota. Il forcellone a capriata inferiore è anch’esso alleggerito e derivato dalla S 1000 RR. Il mono-ammortizzatore, grazie al cinematismo Full Floater Pro, si trova più lontano dal motore e dal forcellone. Questo accorgimento regala una maggiore stabilità della temperatura di esercizio della sospensione, essendo meno influenzata dal calore prodotto dal propulsore, ed un maggior grip. Gli interventi di allegerimento su motore e telaio fanno scendere il peso a vuoto DIN appena sotto i 200 kg (199kg). La riduzione di peso rispetto al modello precedente è di 6,5 kg a tutto vantaggio della dinamica di guida. Il pacchetto sportivo M (che include ruote allegerite) può far guadagnare sulla bilancia ulteriori 4,8 kg. 

Di serie ci sono tre modalità di guida, il controllo di trazione (DTC) e ABS Pro. A pagamento, inclusi nel pacchetto ‘Riding Modes Pro’, ci sono oltre alla modalità di guida liberamente configurabile (Dynamic Pro) la funzione ‘Engine Brake’ e ‘Power Wheelie’. Presente, come parte del pacchetto, anche il sistema Dynamic Brake Control che aiuta durante le frenate di emergenza. La strumentazione deriva dalla S 1000 RR. E’ un display TFT da 6,5” migliorato nella leggibilità e personalizzabile nelle schermate. Di serie l’interfaccia blutooth che consente la navigazione tramite app. Aggiornato il faro con tecnologia LED per anabbagliante e abbagliante. Luce di svolta adattiva inclusa nell’optional Headlight Pro che assicura una maggior illuminazione tramite ulteriori moduli LED.  

Share

Articoli che potrebbero interessarti