MotoGP, Rossi: "Portimao aiuterà la Yamaha, ha maggiore grip di Valencia"

"È una pista diversa da tutte le altre e fantastica". Vinales: "mi ero trovato bene nel test con la R1, con la M1 sarà ancora meglio"

Share


C’è ancora una possibilità per Valentino Rossi di concludere in bellezza una stagione che, tolto il podio nella seconda gara a Jerez, non ha gli ha riservato molte soddisfazioni. Tra cadute, rotture e Covid, il Dottore non ha avuto tanto di cui sorridere.

Portimao è una pista nuova per tutti e questo fa sì che le speranze siano alte per tutti, anche se fino a che le MotoGP non entreranno in pista. L’unica cosa certa è che questa gara sarà per Valentino sarà l’ultima nel team ufficiale, poi prenderà armi e bagagli e si trasferirà in Petronas, dove il prossimo anno troverà Morbidelli come compagno di squadra.

Prima, però, c’è da pensare all’ultimo Gran Premio.

“Andare a Portimao è davvero fantastico, quella pista è fantastica - dice Rossi - Il grip lì è migliore che a Valencia, quindi questo ci aiuterà. Mi sono sentito molto bene durante i test sulla pista dell'Algarveo. E' diversa da tutte le altre piste che abbiamo visitato nel corso della stagione, ed è una novità per tutti, il che la rende molto interessante. Vedremo”.

Anche Maverick Vinales ha voglia di rifarsi dopo una serie di gare al di sotto delle aspettative. Il Portogallo, anche per lui, è l’occasione per iniziare l’inverno con il buon umore.

Non vedo l'ora di guidare la mia M1 sul circuito di Portimao - assicura lo spagnolo - Ci siamo già andati una volta con una R1 e le sensazioni erano state molto buone, quindi sulla M1 sarà ancora meglio e ancora più veloce. Nessuno ha mai corso in MotoGP sulla pista dell'Algarve prima d'ora e questo rende questa gara molto speciale. Faremo del nostro meglio. Sarà divertente fare esperienza su un circuito, per noi, nuovo”.  

Articoli che potrebbero interessarti