SBK, Bautista: "Davies in MotoGP con Aprilia? Dovrà essere meno aggressivo"

"Oggi abbiamo avuto la calma per provare a capire se la strada intrapresa durante l'anno è stata corretta. Un test team in SBK non incide come in MotoGP"

Share


A Jerez ci sono i test, ma si parla anche nel mercato. Già, perchè Chaz Davies è finito nel mirino di Aprilia e a quanto pare si preannuncia una sfida a due con Di Giannantonion per la RS-GP. Di questa trattativa ne abbiamo parlato oggi e al tempo stesso interpellato Alvaro Bautista, che nel Motomondiale vanta una certa esperienza. 

"Cosa penso di Davies in Arpilia MotoGP? È difficile dirlo, lui deve provare - ha risposto - ma a vedere dal suo stile, credo che debba cambiare qualcosa, dato che la MotoGP va guidata diversamente per via delle gomme e della moto. Non puoi essere così aggressivo come quando guidi la Superbike - ha aggiunto - anche se poi, un pilota, tende a cambiare qualora non riesce ad essere forte. Sono però contento se riuscirà a trovare una sella per il 2021, vista la fantastica seconda metà di stagione fatta in Superbike”

Questo per quanto riguarda la MotoGP.  L'attenzione poi è tutta per i test.

Dopo una stagione in salita, data anche la giovinezza del progetto e della moto, ma una buona progressione a fine anno Alvaro Bautista e la Honda HRC sono pronti per il 2021 che, di fatto, è iniziato già da oggi nei test privati di Jerez. Alvaro ha chiuso la sua giornata al 6° posto e con 72 giri all’attivo. Qual è stata la tabella di marcia?

“Oggi insieme al team abbiamo potuto fare dei confronti e lavorare più con calma su degli aspetti dell’elettronica e su alcuni assetti che avevamo già provato durante la stagione. Qui a Jerez abbiamo avuto l’opportunità di lavorarci meglio e capire se la strada presa è stata quella giusta. Durante il weekend di gara è sempre difficile fare dei test e oggi abbiamo anche raccolto dati per la prossima stagione”. 

Tornando al 2020 è corretto dire che la Honda sia stata la squadra più penalizzata dalla pandemia? Lo stop dei test ha influito sulla progressione che avreste potuto avere durante la stagione. Tu stesso più volte ci hai raccontato di come le sessioni di prove libere fossero utilizzate dal team come dei veri e propri test.

“Si, il Covid ci ha un penalizzato perché il nostro progetto era completamente nuovo e avevamo bisogno di più tempo in pista. Noi dobbiamo ancora mettere il pacchetto a posto perché penso che in qualche area siamo fuori ma la cosa importante è che la moto è buona”.

Proprio su questo tema: sappiamo che Domenique Aegerter, test rider della Honda SBK praticamente non ha girato per via delle restrizioni e il prossimo anno sarà con ogni probabilità in Ten Kate. Quanto è importante avere un test team in questa categoria?

“Un test team è molto importante quando si ha una moto nuova e si deve preparare una base. Ed è stato il problema dello scorso anno. La moto è arrivata tardi, come normale, e abbiamo dovuto mettere tutto nel posto giusto. In questa categoria un test team non è importante come in MotoGP dove si può cambiare tutto a parte il motore. Sarebbe stato importante avere un test team funzionante nel 2020”. 

Quando arriveranno le novità più importanti in vista della nuova stagione? 

“Non so quando avremo a disposizione nuovi particolari della ciclistica, io spero già dal primo test del prossimo anno”. 

Share

Articoli che potrebbero interessarti