SBK, Preview Test Jerez: Kawasaki si prepara a svelare l'arma anti-Ducati

Domani inizia la due giorni di prove sul circuito andaluso. Jonathan Rea scenderà in pista con la nuova ZX-10 RR My 2021 o solo un ibrido camuffato?

Iscriviti al nostro canale YouTube

Share


Dal paddock di Jerez de la Frontera, dove splende un bel sole e la temperatura è quasi estiva, è tutto quasi pronto per l’inizio dei test privati Superbike. La pista andalusa è stata affittata da Kawasaki che, come si fa di consueto in questi casi, ha invitato anche gli altri team del campionato. A rispondere alla chiamata della Casa giapponese ci hanno pensato gli altri giapponesi di Yamaha e Honda (che farà correre nella due giorni anche il test team MotoGP) con Ducati e BMW che, invece, hanno preferito rimanere a casa anche vista la precaria situazione Coronavirus in tutta Europa. 

In questi due giorni, dunque, vedremo i primi giri in previsione del 2021 e anche se un assaggio lo avevamo già avuto all’Estoril nel day-after dell’ultimo round dell’anno, si può dire che la nuova stagione, per alcuni team, inizi realmente domani. Oggi abbiamo fatto un giretto in circuito, con i soli addetti ai lavori già all’opera per montare i box e, soprattutto, le moto. 

Inutile negarlo l’attesa è tutta per la nuova Kawasaki ZX-10 RR che sarà presentata con ogni probabilità il 23 novembre ma che potrebbe svelarsi parzialmente già in questi test nella sua versione da pista. Jonathan Rea la brama da anni e vedremo se sarà il mezzo giusto per colmare il divario in quanto a velocità di punta ed accelerazione, senza perdere nulla dal punto di vista della maneggevolezza e della percorrenza. Come da regolamento SBK il paddock del campionato delle derivate di serie è parzialmente aperto alla stampa a differenza di quello della MotoGP nel quale anche i pochi giornalisti ammessi sono chiusi in sala stampa, e così oggi, approfittando della relativa calma abbiamo fatto qualche domanda e assistito ai lavori all’interno del box Kawasaki.

Ufficialmente nessuno sa niente, nessuno conferma ne smentisce che la moto (o una delle moto) che domani verrà portata in pista da Rea e Lowes sia quella nuova ma da quanto abbiamo visto l’ipotesi più accreditata è che il team possa portare un ibrido camuffato. Difficile pensare che non si proverà almeno il motore ed altrettanto difficile ipotizzare di vedere la nuova carenatura ma la sensazione è che qualcosa di nuovo ci sarà, tutto, come detto prima, camuffato al massimo. L'ipotesi di vedere una moto ibrida è davvero molto alta visto che i mezzi che abbiamo visto oggi erano dotati del forcellone della moto 2020. Durante il riscaldamento delle moto i tecnici Kawasaki hanno effettuato delle comparative sulle temperature (presumibilmente dei motori) cosa che alza le probabilità di vedere anche dei back to back tra motore vecchio e motore nuovo.

Nel pomeriggio le serrande del box si sono aperte e i tecnici Kawasaki hanno finalmente acceso una moto nuda (quella che vedete nel video in altro) che ha quindi reso quasi impossibile ogni tipo di riconoscimento.. Cosa c’è nel box Kawasaki? Rea ha in serbo qualche sorpresa per la giornata di domani? Seguiteci per avere tutte le risposte. 

Share

Articoli che potrebbero interessarti