Tu sei qui

MotoGP, Petrucci: "Se non pioverà potrò utilizzare i dati di Michele Pirro"

"Appena ho visto il sole ho iniziato a preoccuparmi, le rain hanno poco grip col misto. Pago molto il mio peso. Partire 18° è un peccato ma anche se fossi stato andato direttamente in Q2 non sarebbe cambiato molto"

MotoGP: Petrucci: "Se non pioverà potrò utilizzare i dati di Michele Pirro"

Share


Danilo Petrucci continua il suo periodo nero in sella alla Ducati, con la terribile qualifica di quest’oggi che ha visto il pilota ternano chiudere il Q1 davanti solo a Savadori e Rabat costringendolo, grazie alla penalizzazione di Vinales, alla 18° casella in griglia. L’addio di Petrucci alla Ducati sembra protrarsi in modo sempre più disastroso, peccato perché dopo un inizio di stagione in salita la vittoria di Le Mans poteva regalare nuova linfa al numero 9. 

“Oggi quando ho visto uscire il sole nelle FP4 ho iniziato a preoccuparmi ci ha detto Danilo - Sul bagnato mi ero trovato bene ma in condizioni di misto sapevo che avrei faticato per via del mio peso. Le gomme da bagnato hanno pochissima aderenza sull’angolo quando la pista si va asciugandoe. Io scaldo gli pneumatici molto più degli altri e questo di certo non mi aiuta. Partire 18° è un peccato perché sto pagando l’errore fatto ieri in FP2 ma anche se fossi stato andato direttamente in Q2 non credo che sarei partito nelle primissime posizioni”. 

Cosa ti aspetti dalla gara di domani? Pur partendo dal fondo dello schieramento c’è la possibilità di costruire una corsa solida?

“Penso di si, anche ad Aragon il sabato non era stato brillante e poi alla domenica ho dimostrato di poter recuperare. Spero di capire la moto nel warm up e so che sull’asciutto potrà essere tutto diverso. Probabilmente potremmo usare i dati che ha raccolto Pirro qui qualche settimana fa. Spero di poter puntare alla top 10 ma sarà complicato”. 

I dati raccontano di una tua sofferenza in velocità di punta rispetto alle altre Ducati. Speravi che la conformazione della pista di Valencia potesse aiutarti?

“Francamente si, qui a Valencia il problema della velocità di punta è minore perché non ci sono dei lunghi rettilinei. Credevo di poter fare un buon weekend ma purtroppo le condizioni non mi stanno aiutando”.  

 

Articoli che potrebbero interessarti