Moto3, McPhee beffa Vietti sotto l'acqua di Valencia. 3° Arenas

Seconda fila per Lopez davanti a Rossi e Garcia, 10° Migno. 28° Jaume Masia, ultimo Niccolò Antonelli per una strategia sbagliata del team SIC58

Share


Qualifiche bagnate, qualifiche divertenti e, soprattutto, importantissime per la lotta al titolo mondiale. Sotto al temporale di Valencia è stato lo specialista del bagnato John McPhee ad aggiudicarsi la pole position siglando un 1:52.252 inarrivabile per tutti gli altri piloti in Q2. 

I risultati della parte più nobile delle qualifiche sono stati più volte rimaneggiati dalla direzione gara a causa delle molte cadute e delle conseguenti bandiere gialle che hanno provocato molti giri cancellati. Tra le cadute di questo Q2 c’è anche quella di Celestino Vietti, fresco del passaggio in Moto2 con il team Sky, che arrivava alle qualifiche da primo nella classifica combinata e ha chiuso al secondo posto proprio dietro a McPhee e con un distacco di 411 millesimi. 

“Ho voluto spingere troppo e ho fatto un errorino – ha detto Celestino ai microfoni di Sky Sport – sono contento perché ho fatto un bel passo in avanti rispetto a stamattina e credo che potrò migliorare anche domani”.

Dietro al pilota dello Sky Racing Team VR46 si è classificato il leader del mondiale Albert Arenas passato per il Q1 e quindi rientrato nella lotta per le prime posizioni dopo un venerdì in difficoltà. Lo spagnolo guida la classifica mondiale con 157 punti, 19 in più di Ogura e 20 in più di Celestino Vietti. 

Seconda fila per Lopez, caduto due volte nel corso del Q2, che al suo fianco avrà Riccardo Rossi e Garcia. 7° Binder davanti a Fernandez e Toba con Migno 10° con Ogura (al quale è stato cancellato il giro buono che lo avrebbe fatto partire in 2° posizione) 11° e Rodrigo in 12° posizione. Tredicesmo posto per Tatay davanti a Foggia e Fenati con Salac, Arbolino e Kunii a chiudere la Q2. 

Fuori in Q1, invece, il vincitore delle ultime due gare di Aragon Jaume Masia che domani scatterà 28°. Ultimo Niccolò Antonelli per una scelta sbagliata in Q1, il team SIC58 ha preferito far uscire il pilota italiano con qualche minuto di ritardo rispetto al gruppo e con gomme da bagnato mentre gli altri erano riusciti a percorrere un paio di giri in condizioni di umido ma con gomme slick. 

Share

Articoli che potrebbero interessarti