Tu sei qui

Norton, la ripartenza passa per il deposito del brevetto di 6 modelli

Il marchio inglese acquistato dall'indiana TVS, ha depositato all'EUIPO il nome di sei modelli già utilizzati in passato.

Moto - News: Norton, la ripartenza passa per il deposito del brevetto di 6 modelli

Share


Norton se l'è vista brutta nella prima parte del 2021: il suo ex amministratore delegato dopo aver truffato migliaia di pensionati si è dato alla macchia. Sembrava la fine dello storico marchio inglese, ma grazie all'intervento della indiana TVS, ora le moto e i dipendenti inglesi possono vedere un futuro, che parte dal passato.

La storia ritorna

Non c'è niente di meglio che guardarsi alle spalle per capire come affrontare quello che ci si trova davanti.

Norton Motorcycles ha questa possibilità da qualche mese, grazie alla nuova proprietà, la TVS Motor Company Limited (TVS), multinazionale indiana del motociclismo con sede a Chennai e terza più grande azienda motociclistica indiana, con un fatturato di oltre 2,8 miliardi di dollari, con una capacità annua di oltre 4 milioni di veicoli.

Non solo si è fatta garante per tutti gli investitori che hanno rischiato di perdere i propri soldi, ma ha già iniziato i primi passi nella storia inglese.

I progetti sono grandi e si parla di espandere la gamma di moto e proprio pochi giorni fa, la nuova Norton Motorcycles ha depositato domande di marchio presso l'Ufficio europeo per la proprietà intellettuale (EUIPO) per sei nuovi nomi di modelli: Ranger, Electra, Fastback, Navigator, Combat e Nomad.

I vecchi nomi

Nuovi si fa per dire, perché i più esperti ricorderanno bene come questi nomi si riferiscono a precedenti modelli di Norton: derivano dagli archivi storici del marchio inglese dal dopoguerra, in particolare negli anni '60 e '70.

Inoltre, la domanda di brevetto ricade nella categoria “Veicoli; apparecchi di locomozione terrestri; motociclette; ciclomotori; scooter; scooter per mobilità / scooter a motore; parti e accessori per motocicli e veicoli”.

I nomi della Ranger (modello prodotto dal 1967 al 1969) e della Nomad (prodotta negli anni '50), erano già stati utilizzati nel 2018 per distinguere le due versioni della Atlas 650.

La Navigator era una piccola bicilindrica (349 cc) prodotta tra il 1960 e il 1965 e fu la prima moto britannica a presentare un avviamento elettrico, mentre la Electra era una sua spin-off con motore di maggior cubatura (383 cc).

Fastback e Combat sono due derivazioni della iconica Commando: la prima (del 1969) era una versione più slanciata, con motore di 750 cc da 58 CV, la seconda (1972) era più potente ma meno affidabile.

Altri brevetti

Le richiesta di brevetto all'EUIPO non riguardano solo questi sei nomi: ci sono anche “Norton”, senza “Motorycles”, inteso per “Fibbie per cinture per motociclette” ma anche per “Istruzione; fornitura di formazione; divertimento; attività sportive e culturali; organizzazione e supervisione di club motociclistici; organizzazione di gare di motociclismo; organizzazione di gare motociclistiche; organizzazione di ricevimenti; organizzazione di raduni motociclistici; organizzazione di mostre; organizzazione e conduzione di seminari e conferenze; servizi del campo; presentazione di spettacoli dal vivo; pubblicazione di libri di mappe per viaggi in moto, pubblicazione di materiale stampato.”.

È stato richiesto il brevetto anche per il logo Norton stilizzato e anche questo privato dalla “Motorcycles”.

Infine, appare anche un nuovo marchio Norton Atlas, ma le moto non c'entrano direttamente, perché si riferisce all'abbigliamento tecnico da motociclista ma anche agli indumenti intimi e ai bavaglini.

In poche parole, Norton sta già pensando al merchandising.

Articoli che potrebbero interessarti