MotoGP, Rossi e Marquez: gli ultimi dubbi prima della tripletta Valencia-Portimao

Atteso l'esito del tampone per il 9 volte iridato prima della partenza per la Spagna. Marquez fortemente in dubbio: previsto un comunicato della Honda questa settimana per l'iridato in carica

Share


C’è molta attesa per il gran finale del motomondiale 2020, ed anche un po’ di trepidazione.

Dal Portogallo, infatti, sono arrivati segnali d’allarme per l’ultimo  Gran Premio, in programma il 22 novembre prossimo a Portimao per la allarmante crescita dei contagi dovuta alla pandemia da Covid-19.

Comunque andrà, e ci auguriamo che possano essere disputate tutte e tre le gare in modo da aumentare la credibilità di un mondiale comunque disgraziato, non tutti i dubbi accumulatisi fino ad ora potranno essere spazzati via.

Se la Dorna infatti ha anticipato un calendario regolare di 20 gare, ben difficilmente il loro posizionamento potrà essere rispettato, se non per ben comprensibili obblighi contrattuali. Ci aspettiamo dunque la solita sequela di cambiamenti, a meno che Carmelo Ezpeleta riesca nel miracolo di far digerire a tutte le parti in causa nuovi posizionamenti in calendario.

Fra i nodi da sciogliere ci sono anche quelli legati ad alcuni dei protagonisti della MotoGP: Marc Marquez è ancora convalescente e su di lui sono state fatte tante ipotesi. Recentemente si è parlato di una terza operazione e sembra incredibile che il campione del mondo rinunci a salire in sella, ancorché solo per una verifica, in vista di un 2021 che si preannuncia anch’esso difficile, anche dal punto di vista dei giorni di prove disponibili.

Il dubbio sul suo effettivo stato di salute continua ad aleggiare sul motomondiale, ma forse già all’inizio della settimana la Honda darà qualche notizia in più sul suo pupillo che, ricordiamolo, avendo firmato un accordo quadriennale per un valore, si dice, attorno ai 100 milioni di Euro è un asset fondamentale per l’HRC.

Anche sullo stato di salute di Valentino Rossi, fermato dalla positività al Covid alla vigilia della doppietta di GP ad Aragon, si è speculato negli ultimi giorni.

Chi si aspettava infatti un tweet del nostro sullo stile di quello cinguettato da Federica Pellegrini, anch’essa positiva al Covid-19 è rimasto deluso

"Siamo idonee - ha detto la campionessa olimpica sul social - Oggi (29 ottobre n.d.r.) finalmente si torna in acqua con nuovi obbiettivi”. La Pellegrini aveva annunciato di essere positiva al virus il 15 ottobre, piangendo per l’impossibilità di prendere parte alla International Swimming League di Budapest.

Da Rossi, invece, ancora nulla per il momento, così come dal fraterno amico Uccio Salucci, anch’egli positivo al virus.

Nostre fonti ci dicono comunque che il mega-motorhome del pesarese è già in viaggio per Valencia. Non significa molto, se non che il 9 volte iridato ha comunque in programma di concludere questo sfortunato campionato.

Secondo le regole della Dorna Vale dovrà sottoporsi ad un tampone, ammesso che l’ultimo fatto non lo abbia fatto registrare come negativo, 72 ore prima del suo ingresso nel paddock.

Rivedremo Rossi e Marquez assieme in pista prima della fine del campionato? E’ auspicabile, ma non certo.

 

Share

Articoli che potrebbero interessarti