Eddie van Halen: omaggio al chitarrista, appassionato di motori

Il "re del tapping" ci ha lasciati pochi giorni fa. Lo ricordiamo insieme, perché nel sangue aveva anche la benzina oltre alla musica

Iscriviti al nostro canale YouTube

Share


Avete presente la canzone Jump? Ecco, quello fu solo un pezzo commerciale che la band portò sul mercato per essere trasmessa ancora di più nelle radio. Parliamo ovviamente dei Van Halen, band statunitense che ebbe origine nel lotano 1972. Il gruppo hard rock statunitense (Pasadena, California), fu fondato dal chitarrista Eddie van Halen e dal fratello batterista, Alex van Halen. 6 ottobre 2020, Eddie ci lascia a causa di un cancro, dopo una lunghissima battaglia. La sua tecnica ha ispirato tantissimi chitarristi. Lui, Eddie, era anche un grandissimo appassionato di motori, auto soprattutto, e questo vuole essere un piccolo omaggio ad un grande della musica.

Ricordi di gioventù

12 studio album non sono tantissimi in oltre 30 anni, ma dipende sempre dalla qualità. Ero ragazzo quando per la prima volta acquistai (rigorosamente usato!), un CD di questa band che un po' come tutti, conoscevo grazie al brano "Jump". Acquistai l'album omonimo, Van Halen, ma non prima di averlo sentito in negozio. I CD usati andavano provati per vedere che tutto fosse ok. Play, Runnin' with the Evil inizia a entrarmi in testa, e penso: "10.000 lire (circa 5 euro), non posso lasciarlo qui". Mentre appena 16enne mi faccio i conti in tasca per capire se "ci scappava" un altro CD usato (credo fosse un The Best dei Black Sabbath), parte Eruption, il secondo brano. Il tappin di Eddie è qualcosa che non avevo mai sentito. Mi batte forte il cuore, lo compro, e così farò per i successivi cinque album, due usati e tre nuovi in "Special Price", quelli con il bollino sulla cover per chi se lo ricorda. E' sera, sto lavorando e mentre scrivo un pezzo, un messaggio del collega, Matteo Pozzi: "E' morto Van Halen!". Buio. Eruption riparte nella mia testa, e con lei, il ricordo di uno dei chitarristi più pazzeschi del mondo...

Miura, la sua preferita

Van Halen era talmente appassionato che non riuscì a non inserire il sound di un auto in un pezzo. Per la precisione, si parla del brano Hot for the teacher, dove il cantante, David Lee Roth si mostra al volante di in una Ford Tub del 1932 gialla, cabrio, con tanto di strisce dal rosso al bordeaux sulle fiancate. Altro brano, Panama (che potete ascoltare in copertina), dove viene inserito il sound del motore di un'auto di Eddie, la sua preferita, la Lamborghini Miura del 1972 regalatagli dalla moglie per le nozze. Nello stesso brano, non mancano nel videoclip una hot rod rossa ed una Harley-Davidson sempre con Roth alla guida.

Eddie adorava suonare, ma adorava anche correre in auto, pista compresa. Il chitarrista di origine olandese ha avuto una Porsche 911 GT3, una Ferrari 550, due Audi R8 modificate (una V8 ed una V10), una 993 elaborata dalla RUF, senza contare una Chev C1500 (pick-up) personalizzato nella verniciatura (come la chitarra Frankenstrat). Adorava anche le moto, aveva una costosissima Confederate. Ciao Eddie, buon viaggio. Motore in "zona rossa", e stereo al massimo volume.

Share

Articoli che potrebbero interessarti