Tu sei qui

Bonus per manutenzione e riparazione auto: la proposta

Arriva l'interessantissimo suggerimento da parte dell'Osservatorio Autopromotec. L'agevolazione dovrebbe essere riconosciuta per il 2021

Auto - News: Bonus per manutenzione e riparazione auto: la proposta

Share


Abbiamo parlato degli incentivi 2020, giustamente, per rinnovare il parco auto circolante. In ogni caso, per quanto si possa sfruttare questo bonus, sono in molti a non avere sufficienti quattrini per cambiare il proprio mezzo. Il lavoro non c'è, ed il Coronavirus ha fatto il resto. In sostanza, chi ha un'auto vecchia, è costretto a tenersela, e magari a ripararla se si rompe (sempre a patto che abbia i soldi per farlo...). Dall’Osservatorio Autopromotec, arriva una interessantissima proposta, che vede un appello alle istituzioni: la richiesta di un incentivo di 500 euro dedicato alla manutenzione ed alle riparazioni delle auto.

Un piccolo aiuto

La manutenzione dell'auto è parte fondamentale della vita di un veicolo, ma non sempre si parla di pochi spicci. Un'auto vecchia, potrebbe richiedere la sostituzione delle sospensioni, dei dischi freno, del terminale di scarico e molto altro ancora. In ogni caso, tutti fattori determinanti per la sicurezza e per non incrementare inquinamento acustico e di gas nocivi. Ecco l'idea, anche per far "girare l'economia", un bonus sulla manutenzione fino a 500 euro. La possibilità di inserire le spese delle riparazioni ed i controlli dell’auto direttamente nella dichiarazione dei redditi 2022, potrebbe essere la svolta per tutti coloro che nel 2021 non possono cambiare la proprio automobile. Una agevolazione pari al 50% della spesa totale. Perché no?

Vengono dati soldi per bici e monopattini elettrici, grazie al Bonus Mobilità 2020, perché non si dovrebbe dare questa possibilità ai meno abbienti? In Italia il parco auto è vecchio, non si riesce a "ringiovanirlo", e quindi un incentivo alla manutenzione consentirebbe alle persone di mettere mano sulle proprie auto e renderle più sicure. La cosa, inoltre, andrebbe in aiuto per tutti i lavoratori impegnati nel settore delle autoriparazioni e dell'assistenza dei veicoli. La cosa poi, aiuterebbe anche il fisco, perché a questo punto tutti dichiarerebbero la spesa.

Articoli che potrebbero interessarti