SBK, Redding: “Sull'asciutto sono veloce, ma sul bagnato non ho esperienza"

“Conosco le Michelin e le Bridgestone, con le nuove gomme Pirelli non ho ancora la fiducia che vorrei. Rea? Contro di lui posso guadagnare o perdere tutto”

Share


Scott Redding è chiamato a rincorrere nel venerdì di Magny-Cours. La pista bagnata e le Pirelli hanno messo a dura prova il portacolori Aruba, chiamato a fare i conti con delle condizioni mai viste prima d’ora. Anche a Barcellona pioveva, ma le temperature in Francia sono molte più basse rispetto alla Spagna, così come l’intensità dell’acqua.

A fine giornata il numero 45 deve quindi consolarsi con il settimo tempo a un secondo dalla vetta.

Purtroppo non ho molta esperienza con le Pirelli sul bagnato - ha esordito Scott - Rea invece ha mostrato di avere fiducia in queste condizioni, vista l’esperienza accumulata negli anni. Personalmente devo dire di aver migliorato nel pomeriggio, cercando di essere più aggressivo nelle curve lunghe, anche se sono un po’ lontano dai più veloci”.

Scott entra poi nel merito del lavoro svolto.

“Abbiamo lavorato sull’elettronica e alcune componenti durante i turni di libere. Il fatto è che conosco le Michelin e le Bridgestone  ma troppo poco le Pirelli. Sul bagnato, con le Michelin, se lavori in un determinato modo riesci ad avere grande grip e fiducia. Con le Pirelli invece al momento ho meno fiducia e di conseguenza devo capirne le reazioni".

Come vi abbiamo anticipato stamani, Redding ha girato nelle scorse settimane a Magny-Cours.

“Ho provato qua con la moto stradale, tra l’altro pioveva pure. In quell’occasione ho avuto modo di imparare la pista, cercando di conoscerla in vista di questo fine settimana. Ovvio che la moto stradale è ben diversa da quella con cui corro nel weekend di gara. Ero curioso di vedere come fosse Magny-Cours e alla fine devo dire che non è nulla di scioccante". 

La mente è ora rivolta al sabato.

“Vedremo quello che accadrà in base alle condizioni meteo. Probabilmente, quella di sabato, sarà la mia prima gara sul bagnato, di conseguenza dovrò rimanere calmo. In queste condizioni ho tutto da perdere e da guadagnare nella sfida con Rea. Lui ha mostrato di essere molto veloce in queste condizioni come nessun altro”.

Scott non vuole però depositare le armi prima del tempo.

“Oggi ho cercato di capire quanto posso essere forte con queste gomme, provando a cercare il limite. Anch’io sono veloce sul bagnato, il fatto è che non conosco il limite di queste coperture. Purtroppo non ho tanto tempo per conoscere la moto e le gomme, gli altri piloti hanno maggiore esperienza”.

Redding coglie l’occasione per pensare anche al 2021.

“Il mio obiettivo a Magny-Cours è cercare di essere veloce, puntando a raccogliere informazioni per il futuro e capire cosa può succedere. Di sicuro, in gara, può accadere di tutto. Adesso però devo ben capire quale sia il limite, cercando di avere tutto sotto controllo per la prossima stagione”.

In casa Ducati è andata sicuramente peggio a Chaz Davies, rimasto fuori dalla top ten.

“Non è stata una giornata semplice per via del meteo – ha dichiarato - nel finale però sono riuscito a fare un passo avanti con la gomma posteriore nuova. Più che al tempo, oggi ho lavorato per capire le gomme e le sensazioni in sella alla moto. Domani cercherò quindi di aprire il gas per essere con i migliori”.

 

Share

Articoli che potrebbero interessarti