SBK, BSB, Brookes quattro stagioni a Donington, le Ducati volano sul bagnato

Josh Brookes ha stampato il miglior tempo sia su asciutto che sotto la pioggia. Nella FP1 della mattina bene le due Honda Racing UK, nella FP2 le Ducati hanno fatto la differenza. Tanta cadute sul bagnato. Domani qualifiche a rischio

Share


La prima giornata di prove del BSB British Superbike sul tracciato 'Grand Prix' di Donington Park è stata caratterizzata dal freddo, vento e, soprattutto, dalla pioggia. In queste bizzarre condizioni metereologiche, tipiche della terra d'Albione, Josh Brookes è tornato a fare la voce grossa. Veloce sia su asciutto che su bagnato, il campione 2015 di categoria si è canditato come il pilota da battere in vista delle tre gare del fine settimana (meteo permettendo).

In una giornata che ha visto la direzione gara comprimere le due sessioni di prove libere al solo venerdì a causa del vistoso peggioramente delle previsioni meteo per il sabato, le tre Ducati V4-R hanno suonato la riscossa. Josh Brookes, reduce dal successo in Gara 3 ad Oulton Park e saldamente al comando di entrambe le sessioni odierne, è apparso a suo agio in ogni tipo di condizione dell'asfalto. L'alfiere VisionTrack PBM Ducati ha stampato il miglior tempo in 1'29"768 nella FP1 del mattino, a poco meno di un secondo dal record della pista, siglando un 1'47"378 nella FP2 del pomeriggio.

In un fine settimana che si prospetta all'insegna dell'incertezza, non hanno di certo demeritato anche i compagni di marca Christian Iddon (VisionTrack PBM Ducati) e Tommy Bridewell (Oxford Racing MotoRapido Ducati). Se sull'asciutto hanno concluso rispettivamente in quarta e sesta posizione, la pioggia li ha decisamente esaltati con una top-3 racchiusa in 235 millesimi e tutta con moto della Casa di Borgo Panigale.

In condizioni di scarsa aderenza si sono dimostrate assai competitive anche le due Rapid Fulfillment FS-3 Kawasaki di Lee Jackson e Danny Buchan, con il primo sempre più performante dopo podio ottenuto nell'ultimo round. Entrambi hanno terminato la FP2 in quarta e quinta posizione a otto decimi dalla prima vetta.

In un secondo turno caotico, che ha registrato ben sei cadute e una bandiera rossa, Glenn Irwin non si è confermato sui livelli espressi nel corso della mattinata. Il capo - classifica di Honda Racing UK aveva ben impressionato sull'asciutto, secondo a 241 millesimi da Brookes, salvo poi terminare al settimo posto con oltre un secondo di ritardo. Per il 30enne di Carrickfergus, comunque, si sono trattati di 45 minuti importanti, alla prima presa di contatto sul bagnato con la nuova Fireblade CBR 1000RR-R SP

Peggio è andata al fratello Andrew Irwin (Honda Racing UK), terzo nella FP1 e autore di una scivolata nel pomeriggio inglese senza particolari conseguenze.

In ottica campionato Jason O'Halloran (McAMS Yamaha), grande protagonista ad Oulton Park con una doppietta messa a referto, a terminato il venerdì di prove libere con un nona e ottava posizione.

Chi invece le conseguenze le ha avute è stato il povero Bradley Ray. "Telespalla" ha dovuto alzare bandiera bianca in seguito ad una caduta nella FP1 che gli ha provocato un infortunio alla gamba, costringendo il Team Synetiq TAS BMW a sostituirlo con l'esperto Ian Hutchinson. Il pluri-vincitore del TT sull'Isola di Man ha concluso in 20esima posizione.

Ovviamente i tempi da tenere in considerazione per la giornata di oggi sono quelli della FP1, ma la FP2 potrebbe rivelarsi fondamentale in attesa delle tre gare del week-end. Infatti, le previsioni meteo danno alte percentuali di temporali specialmente per il sabato. MSV Racing ha già deciso che, in caso di cancellazione del turno di qualifiche di domani, la griglia di partenza di Gara 1 si baserà sulla classifica combinata delle libere di oggi.

I protagonisti del BSB British Superbike torneranno in azione domani, alle 13:15, per le qualifiche e alle 17 per la partenza di Gara 1. Pioggia permettendo.

I RISULTATI DELLA FP2

LA COMBINATA DI FP1 + FP2

Share

Articoli che potrebbero interessarti