Honda: il MY 2021 regala l'EURO5 alle CB650R e CBR650R

Le due sorelle con la medesima base meccanica, con e senza veli, aggiornano il propulsore per ottenere l'omologazione alla normativa EURO5. La Casa Alata ne approfitta per introdurre, pochi, ma mirati miglioramenti

Share


Le due sorelle si aggiornano alla normativa EURO5, ottenuta con nuove mappature della ECU, profili degli alberi a camme ridisegnati, fasatura dell’aspirazione rivista, sistema di scarico adeguato e adozione del sensore sull’albero motore.

Le due quattro cilindri oltre a condividere la base meccanica, introducono le stesse migliorie con pochi e mirati interventi. A livello di ciclistica viene introdotta la forcella Showa, da 41 mm di diametro, SFF‑BP (Separate Fork Function – Big Piston). La strumentazione LCD (con indicatore shift-up e marcia inserita) è ora migliorata nella leggibilità e sotto la sella trova posto una presa USB Type-C. Il manubrio (solo per la CB650R) è in posizione più avanzata, essendo stato ruotato in avanti di 3°. A livello di dettagli arrivano pannelli laterali/centrali ridisegnati e un nuovo supporto portatarga in metallo. Ritoccato anche il coperchio motore lato frizione con nervature più pronunciate.

La carenata CBR650R rinnova la luce frontale con superfici riflettenti migliorate ed un codino più sportivo all’altezza dei maniglioni. Per entrambe invariata la tecnologia full-led per l’illuminazione.

MECCANICA IN COMUNE

Il motore  a 4 cilindri in linea sviluppa una potenza massima di 95 CV a 12000 giri/min. La coppia massima è pari a 63 Nm a 8500 giri/min. È presente, per entrambe, il controllo di trazione HSTC (Honda Selectable Torque Control) e di frizione assistita e con antisaltellamento. L’impianto frenante, anteriore, può contare su pinze freno a 4 pistoncini ad attacco radiale con dischi flottanti da 310mm di diametro. Entrambe sono disponibili anche in versione con potenza massima di 35 kW per i possessori di patente A2.

Le schede tecniche delle due moto sono quasi sovrapponibili ad eccezione di pochi particolari come il peso che, ovviamente, è favorevole alla CB. In ordine di marcia, fermano la bilancia rispettivamente a 202 kg, per la ‘scarenata’ e 208 kg per la CBR. Medesima anche la base ciclistica. Oltre alla forcella rinnovata, le moto sono dotate di monoammortizzatore, con regolazione del precarico su 7 posizioni, ancorato direttamente al forcellone in alluminio a bracci differenziati.

In comune anche i dati dichiarati per i consumi, pari a 20,4 km/l nel ciclo medio WMTC, ed assicurano un’autonomia di oltre 300 km sfruttando il serbatoio, con la medesima capacità, da 15,4 litri.

COLORAZIONI

La CB650R 2021, in Italia, sarà disponibile nelle seguenti quattro colorazioni:  Mat Gunpowder Black Metallic (nuovo), Pearl smooky gray, (nuovo), Mat jeans blue metallic, Candy chromosphere red. La CBR650R 2021 aggiorna le grafiche nelle medesime due livree disponibili: Grand Prix Red, Mat Gunpowder Black Metallic.

Share

Articoli che potrebbero interessarti