Tu sei qui

Honda H’ness CB350, la piccola classic destinata al mercato asiatico

Monocilindrica da 348 cc con 20 CV di potenza, ha un look ispirato alle CB del passato e non sarà distribuita in Europa

Moto - News: Honda H’ness CB350, la piccola classic destinata al mercato asiatico

Share


Alla fine Honda ha tolto il velo dalla misteriosa moto protagonista del teaser video di qualche giorno fa.

Sua Altezza, la piccola destinata a sfidare l’egemonia di Royal Enfield nei mercati asiatici è la H’ness CB 350, una classica che segna l’esordio della Casa di Tokyo nel segmento delle premium del mercato indiano.

Il look

Il design è pensato per riportare in vita l’heritage delle vecchie CB degli anni ’70, e infatti la H’ness CB350 sfrutta il fascino delle vintage riportando forme simili per il faro tondo, seppur a LED, la forma del serbatoio e il logo Honda presente sul profilo.

A completare il look ci pensano le cromature su parafanghi, ammortizzatori posteriori e e tubo di scarico. Sul tachimetro tondo analogico c’è un piccolo display da cui, grazie alla tecnologia Honda Smartphone Voice Control System si può connettere lo smartphone.

Motore e ciclistica

A spingere la moto c’è un monocilindrico da 348 cc raffreddato ad aria che eroga 20,8 CV a 5.500 giri e un picco di coppia di 30 Nm a 3.000 giri con cambio a 5 marce e frizione antisaltellamento. Il propulsore può contare sul controllo di trazione di Honda, l’HSTC.

Il telaio è a doppia culla in acciaio mentre il reparto sospensioni vede lavorare una forcella telescopica e un doppio ammortizzatore posteriore sui cerchi rispettivamente da 19” e 18” che montano penumatici 100/90 e 130/70 mentre l’impianto frenante è composto da due dischi da 310 mm con ABS a doppio canale. La capienza del serbatoio è di 15 litri, mentre il peso a secco è di 181 kg.

Versioni e prezzi

Due le versioni della Honda H’ness CB350: DLX e DLX Pro, con quest’ultima che avrà vernice bicolore e sistema di connettività di serie. I prezzi partono da 1,9 lakh, ovvero circa 2.200 euro.

Peccato però che la moto non sia destinata ad uscire fuori dai confini asiatici.

Articoli che potrebbero interessarti