SBK, A Magny-Cours i freni messi a dura prova per colpa della pioggia

Secondo i tecnici Brembo il tracciato è considerato altamente impegnativo per i freni con punti dove l’ingresso curva non supera i 55 km/h

Share


Dalla Spagna alla Francia per il penultimo appuntamento stagionale. La Superbike sbarca a Magny-Cours dove nel weekend potrebbe essere assegnato il titolo iridato. Si preannuncia un round incandescente in pista per squadra e piloti, così come per Brembo.

Secondo i tecnici della Casa tricolore il Circuit de Nevers Magny-Cours è un circuito altamente impegnativo per i freni. In una scala da 1 a 5 si è meritato un indice di difficoltà di 4, inferiore solo alla pista di Barcellona.

La pista alterna curvoni veloci in cui i freni sono utilizzati pochissimo a frenate di grande intensità che mettono a dura prova l’impianto frenante: in un paio di punti la velocità di ingresso curva non supera i 55 km/e in un altro paio è inferiore ai 75 km/h. Inoltre la pioggia e le basse temperature autunnali potrebbero creare problemi agli impianti frenanti, impedendo di raggiungere la temperatura minima di esercizio La varietà di dischi Brembo per la Superbike

Ogni pilota può scegliere tra dischi da 338,5 mm di diametro e da 336 mm di diametro. Il diametro maggiore permette di esercitare una maggiore pressione, ma pesa di più. Per ciascuna di queste opzioni i piloti possono scegliere tra 4 diversi spessori che vanno da un minimo di 6,5 mm a 7,1 mm.

Il carbonio è bandito in Superbike dal 1994 per il contenimento dei costi. I dischi sono infatti in acciaio, anche se il regolamento consente di utilizzare una percentuale di carbonio non superiore al 2,1 per cento del peso totale del disco. Allo stesso modo sono vietate le leghe contenenti il berillio.

L’impegno dei freni durante il Round 7 del Mondiale Superbike

I piloti della Superbike utilizzano i freni in 9 delle curve del circuito di Magny-Cours, 7 delle quali a destra: invece l’impianto frenante è azionato solo in 2 delle 8 curve a sinistra. In media durante un giro di pista i piloti utilizzano i freni per oltre 29 secondi e mezzo equivalenti al 31 per cento della durata della gara, percentuale inferiore solo a Jerez.

Sommando tutte le forze esercitate da un pilota sulla leva del freno dalla partenza alla bandiera a scacchi nelle due gare standard il valore è di circa 830 kg: uno sforzo non da poco considerando che per quasi 150 frenate i piloti esercitano un carico che ammonta ad almeno 4 kg e si spinge ad oltre 6 kg. 

La frenata più impegnativa del Round di Magny-Cours

Delle 9 frenate del Circuit de Nevers Magny-Cours una è considerata altamente impegnativa per i freni mentre 6 sono di media difficoltà e le altre 2 sono light.

La più impegnativa in assoluto è la curva 5 in cui si registra un gap di velocità di 244 km/h: le Superbike vi arrivano a 288 km/h e rallentano fino a 44 km/h in 5,6 secondi durante i quali percorrono 233 metri. I piloti esercitano un carico sulla leva del freno di 6,3 kg e sono soggetti ad una decelerazione di 1,5 g. Il liquido freno Brembo HTC 64T raggiunge invece una pressione di 13,5 bar. 

Share

Articoli che potrebbero interessarti