Volkswagen Golf 8 a metano: caratteristiche, consumi e prezzo

La Golf è alla sua ottava generazione ed è ora proposta in ben cinque tipi di alimentazioni, tra cui la TGI che garantisce la riduzione dei costi per chilometro, grazie all’innovativo motore turbo a gas metano

Share


Presente sul mercato dal 1974, la Golf diviene da subito simbolo della casa di Wolfsburg. Una vettura che negli anni ha saputo anticipare le esigenze ed i desideri di un pubblico giovane, ma allo stesso tempo garantire praticità e spazio sufficiente ai clienti più maturi.

La Golf è alla sua ottava generazione e da anni ormai si propone in più alimentazioni, dalle più pepate (come la GTI) alle più sobrie. Oltre alle “tradizionali” benzina e diesel, oggi a listino troviamo ibride e ibride plug-in, con il metano che diventa la quinta opzione. L’elettrica, vista sulla precedente generazione, lascia invece il campo alla ID.3.

Se l’elettrificazione è di gran moda, in Italia trova molta richiesta anche la versione a metano, la TGI. Il gas naturale compresso (CNG) o metano garantisce un sensibile risparmio a fronte del minor costo per carburante a parità di chilometri percorsi. Per fare ad esempio 100 km con una vettura a metano si spenderà oltre il 50% in meno rispetto ad una vettura a benzina e anche oltre il 40% in meno rispetto ad una alimentata Diesel.

Il metano per sua natura è un carburante più pulito rispetto a quelli attualmente più diffusi. Le emissioni di gas di scarico CO2 sono inferiori di circa il 25% rispetto alla benzina. È esente da particolato, piombo e idrocarburi policiclici aromatici. Ciò si traduce in un prodotto più ecologico.

Inoltre è importante sapere che le vetture alimentate a gas metano non devono sottostare a nessuna limitazione di parcheggio e possono essere collocate anche all’interno di garage interrati. Avendo una densità inferiore rispetto a quella dell’aria, in caso di fuoriuscita accidentale il gas metano tende a volatilizzarsi ed a salire verso l’alto, disperdendosi nell’ambiente senza rischio di pericolose concentrazioni.

La Golf 8 TGI è mossa da un quattro cilindri turbocompresso da 1,5 litri in grado di erogare 130 CV e 200 Nm di coppia massima tra 1.400 e 4.000 giri, associato al cambio automatico doppia frizione DSG a 7 rapporti per una velocità massima di 211 km/h.

Il tutto a fronte di un’efficienza eccellente: nel ciclo di omologazione WLTP, la Golf 8 a metano ha un consumo combinato di 6,2-6,5 m3/100 km pari a 111-116 g/km di CO2. Inoltre, la Golf 8 TGI rispetta le più recenti normative sulle emissioni Euro 6d-ISC-FCM.

Più prestazioni, meno consumi e meno emissioni, ma anche più autonomia. La Golf 8 TGI, infatti, è equipaggiata con tre bombole per il metano dalla capacità totale di

115 litri o 17,3 kg, che nell’utilizzo reale garantiscono oltre 400 km di autonomia con un pieno. Una volta esaurito il gas, l’auto passa autonomamente all’alimentazione a benzina sfruttando il serbatoio di riserva da 9 litri.

Vista la configurazione dei serbatoi, la normativa italiana classifica la Golf 8 TGI come veicolo cosiddetto “monovalente” a gas metano. Questa omologazione comporta agevolazioni fiscali quali l’esenzione parziale (75%) o totale dalla tassa automobilistica. Inoltre, in alcune zone d’Italia le normative locali escludono le auto alimentate a gas metano dai blocchi del traffico.

Ai costi di gestione contenuti grazie anche al ridotto costo del carburante, la Golf 8 TGI aggiunge la sostenibilità ambientale. Un’automobile alimentata a gas metano, infatti, emette circa il 25% in meno di CO2 rispetto a una a benzina, in ragione della bassa componente di carbonio nel gas naturale e della sua maggiore capacità energetica. Inoltre, la combustione del metano produce meno monossido di carbonio (CO) e ossidi di azoto (NOX), oltre a quantità minime di particolato.

La Golf 8 TGI è disponibile negli allestimenti Life e Style. Già il primo ha una dotazione di serie straordinariamente ricca che prevede, tra gli altri: cerchi in lega Norfolk da 16 pollici, fari anteriori e posteriori a LED, Ambient Light esterno e interno, Keyless Go, climatizzatore automatico Climatronic, volante multifunzione rivestito in pelle, strumentazione digitale Digital Cockpit, Wireless Charge, We Connect Plus, sensori di parcheggio anteriori e posteriori Park Pilot, Car2X, monitoraggio della stanchezza del conducente Fatigue Detection, cruise control adattivo ACC, Front Assist con funzione di frenata di emergenza City, riconoscimento pedoni e ciclisti, assistente alle manovre di scarto e alla svolta, assistente al mantenimento di corsia Lane Assist e Dynamic Light Assist. In occasione del lancio, a queste dotazioni si aggiunge il pacchetto gratuito composto da navigatore Discover Pro con schermo touch da 10,25 pollici, comandi vocali naturali Natural Voice Control e Wireless App-Connect. La versione Style arricchisce ulteriormente l’equipaggiamento con, tra gli altri, cerchi in lega Belmont da 17 pollici, fari anteriori IQ.LIGHT LED Performance, climatizzatore automatico Climatronic a 3 zone, Ambient Light interno a 32 colori, sedile guidatore ergoActive a 14 vie, rivestimenti in ArtVelours, Emergency Assist, Light Pack e Travel Assist 2.0.

L'allestimento Life parte dal prezzo di 32.500 € e per la versione Style è di da 34.350 €

Cinque alimentazioni diverse, un’unica Golf

Con l’arrivo della TGI a gas metano, ora la Golf 8 è disponibile con ben cinque tecnologie di propulsione diverse: benzina (TSI e GTI), Diesel (TDI), ibrido 48 V (eTSI) e ibrido plug-in (eHybrid e GTE), con potenze comprese tra 110 e 245 CV. Il listino italiano della Golf 8 parte da 26.100 Euro per la 1.0 TSI EVO 110 CV Life.

Share

Articoli che potrebbero interessarti