Aprilia Tuareg 660: i primi scatti rubati regalano sogni da Dakar

Dopo la versione sportiva e la Tuono, ecco che il nuovo bicilindrico Aprilia trova la prima declinazione enduro, riportando in vita un nome iconico della Casa di Noale

Share


Doveva arrivare e lo sta facendo in grande stile. La Tuareg 660 è senza dubbio una delle novità più attese di questo 2020 e per quanto visto da questi scatti rubati che hanno iniziato a circolare in rete, manca poco al momento in cui la nuova enduro di Noale si mostrerà nelle sue forme definitive. Quando ad Eicma fu presentato il nuovo bicilindrico 660 è apparsa chiara la volontà di Aprilia di creare una serie di modelli gestendo questa validissima piattaforma, e gli sforzi sono stati inizialmente concentrati sulla RS-660 e sulla Tuono 660, modelli che sono ormai nelle ultimissime fausi di collaudo e che tra pochissimo saranno disponibili sul mercato. La sportiva entro il 2020, la naked all'inizio del 2021. 

Per quanto riguarda invece la declinazione enduro, si dovrà attendere qualche mese in più, ma di certo ne varrà la pena perché le premesse sembrano metterci davanti ad una moto assolutamente indovinata. Che qualcosa stesse bollendo in pentola per quanto riguarda la Tuareg, Aprilia l'aveva suggerito ad EICMA quando nascose letteralmente tra le frasche un prototipo della Tuareg. Si intravedeva poco, ma incuriosiva tutti. 

PROTOTIPO APRILIA TUAREG 660

Le foto che circolano oggi riescono a inquadrare meglio le prospettive di questa Tuareg, che trae il proprio nome da uno dei modelli più iconici che siano mai stati creati a Noale, figlio di un'epoca in cui la Parigi Dakar popolava i sogni degli appassionati, e la progenitrice di questa nuova 660 lottava sul mercato con le varie Africa Twin, Tenerè, Dominator ed in generale con l'enorme voglia di enduro stradali che letteralmente invase le strade italiane ed europee in generale, tra la metà degli anni '80 e l'inizio dei '90.

Questa Tuareg 660 strizza l'occhio a quel periodo e lo fa mettendo sul piatto caratteristiche da vera enduro, più che crossover polivalente. Lo suggeriscono le misure dei cerchi, che sembrano essere un 21 pollici all'anteriore accompagnato da un classico 18 al posteriore e lo suggerisce anche la forcella anteriore, che sembra essere stata dotata di una escursione propria di moto destinate ad affrontare tanto off-road. In quest'ottica, è difficile immaginare che il motore venga sfruttato in modo da privilegiare la potenza massima disponibile, per cui è probabile che il tetto dei 100 cv sfiorato dalla RS-660 sia in questo caso sacrificato alla ricerca di una migliore erogazione nelle zone del contagiri che interessano maggiormente l'uso in fuoristrada. 

Probabilmente per vedere la nuova Tuareg 660 in veste più vicina alla moto di serie si dovrà attendere ancora parecchio ed è plausibile collocare l'arrivo sul mercato di questo modello tra la fine del 2021 e l'inizio del 2022, andando a completare la gamma assieme alla sportiva RS ed alla naked Tuono. 

Share

Articoli che potrebbero interessarti