SBK, Rea: "Barcellona l'ho imparata grazie alla MotoGP e alla PlayStation"

"Sono primo nel Mondiale, ma punto comunque alla vittoria", Lowes: "Ad Aragon non ero in forma, l'obiettivo è tornare a lottare per il podio"

Share


Kawasaki all’attacco, proprio così! Nonostante i 36 punti di vantaggio in Campionato, Johnny Rea non vuole perdere tempo a fare troppi calcoli. Proprio per questo motivo, il Cannibale sbarca a Barcellona affamato di vittoria. Non manca quindi la curiosità da parte sua dopo i test svolti in Catalunya lo scorso luglio.

Johnny è quindi pronto alla sfida: “E' un momento davvero emozionante perché sono cresciuto guardando la MotoGP al Montmelò e mi è piaciuto molto il layout del tracciato – ha commentato – diverse volte ho giocato alla PlayStation e questa è la mia pista preferita. Siamo stati fortunati ad avere avuto la possibilità di svolgere i test nel bel mezzo dell'estate e le sensazioni sono state ottime. Avevo infatti un grande sorriso dentro il casco”.

Rea avverte quindi il sapore della sfida, che sarà sicuramente speciale, dal momento che il suo team ha sede a pochi chilometri di distanza dal circuito: “Questa è la nostra gara di casa e quindi vogliamo correre per tutti coloro che non ci saranno – ha aggiunto - naturalmente l'obiettivo è sempre quello di vincere, quindi metteremo la testa a posto e lavoreremo come abbiamo fatto finora, preparando la moto per essere forti sulla distanza di gara”.

Dall’altra parte del box ci si aspetta invece di capire quale sarà il livello di competitività da parte di Alex Lowes: “Ad Aragon pensavo di cogliere un risultato migliore, invece non ero al top della forma – ha ricordato il portacolori Kawasaki – ho faticato davvero tanto per arrivare a ottenere i risultati. A Barcellona spero che la situazione sia diversa. Abbiamo già fatto dei e questa la considero una pista fantastica – ha aggiunto - sono fiducioso che ci saranno delle belle gare e l’obiettivo è tornare sul podio”

Share

Articoli che potrebbero interessarti