MotoGP, Test Misano. Pioggia di novità per Yamaha: 1° Vinales. 17° Rossi

Scarico maggiorato e nuovo forcellone per le M1 del team ufficiale. 2° Nakagami davanti a Zarco, Espargarò e le Suzuki. Fermi nel pomeriggio Dovizioso e Bagnaia

Share


Si è conclusa la lunga giornata di test sul tracciato di Misano. Come vi abbiamo detto questa mattina non è sceso in pista il vincitore della gara di domenica scorsa Franco Morbidelli, fermato da problemi allo stomaco. Morbidelli o no, c’è sempre una Yamaha davanti a tutti ed oggi è stata quella di Maverick Vinales che è riuscito a girare in 1:31.532 al suo 77° giro di giornata sui 91 totali. Vinales, proprio come Valentino Rossi, ha provato quest’oggi tante novità sulla sua Yamaha, la più visibile è di certo lo scarico maggiorato (TROVATE QUI TUTTE LE FOTO) che a detta di Maio Meregalli dovrebbe portare alla M1 dei vantaggi in erogazione. Oltre allo scarico da Iwata sono arrivati anche aggiornamenti per il forcellone. Anche una caduta nel pomeriggio per Maverick, nessuna conseguenza.

Al secondo posto Taka Nakagami che finalmente riporta una Honda nelle prime posizioni. Il giapponese è il più competitivo al momento con la RC213V e quindi oggi ha provato le nuove ali e l’abbassatore sulla moto 2020. Una caduta per lui questa mattina. Terzo tempo del pomeriggio per Zarco davanti a Pol Espargarò e alle Suzuki di Mir e Rins. La Suzuki non aveva provato a Misano nelle scorse settimane, proprio come Yamaha, e quindi il lavoro nei box è stato molto importante in questo martedì di test. 7° posizione per Pecco Bagnaia che ha preferito non girare nel pomeriggio per non affaticare il ginocchio da poco operato.

Fermo nella seconda sessione di giornata anche Andrea Dovizioso che dopo le buone sensazioni del mattino ha preferito non guidare nella seconda sessione di giornata ed ha osservato, insieme al tester Aprilia e leader della classifica del CIV Superbike Salvadori, gli altri piloti in pista. 9° tempo di giornata per Fabio Quartararo che ha girato più di tutti nella giornata di oggi, 107 giri per il francese che dopo la caduta di domenica dovrà cercare di fare bottino pieno tra 5 giorni a Misano per provare a mettersi di nuovo al comando del mondiale.

Binder ha preceduto Alex Marquez con Jack Miller e Miguel Oliveira ultimi due piloti a rientrare nel distacco di 1 secondo dal tempo di Maverick Vinales. 14° e 15° posizione per le Aprilia di Espargarò e Smith mentre hanno chiuso la classifica Petrucci e Valentino Rossi davanti a Tito Rabat (in fumo il motore della sua GP19 nel pomeriggio). Per il Dottore 90 giri e tanto lavoro sulle nuove componenti portate da Yamaha, l’obiettivo per la gara di Misano 2 è il 200° podio ma Valentino potrebbe lottare anche per la vittoria.

 

 

 

Share

Articoli che potrebbero interessarti