SBK, BSB, G.Irwin:"Ho imparato da Johnny Rea, ad Oulton Park Ducati favorita"

"A Silverstone abbiamo ottenuto il massimo e guadagnato punti importanti su Brookes e Bridewell, la prossima pista si addice alle caratteristiche della Ducati, la pressione sarà su di loro". Nel week-end si corre ad Oulton Park

Share


Il BSB British Superbike questo fine settimana andrà in scena sul bellissimo tracciato di Oulton Park. Ubicato nel nord-ovest dell'Inghilterra, nelle vicinanze di Little Budworth, aprirà di fatto le danze della seconda metà di questa pazza stagione 2020. Dopo la tappa di Silverstone 'National', il leader incontrastato di campionato è sempre Glenn Irwin.

Reduce da tre quarti posti consecutivi, sempre a ridosso di Buildbase Suzuki e McAMS Yamaha, il pilota Honda Racing UK ha mancato l'appuntamento del podio, ma ha potuto incrementare il proprio vantaggio nei confronti dei diretti avversari (+35 su Brookes e Bridewell).

"Prima del round di Silverstone avevamo già accennato al fatto che, visti i risultati dello scorso anno, Yamaha e Suzuki sarebbero andate forte. Non è stata affatto una sorpresa veder vincere Tarran Mackenzie e Kyle Ryde. Nel 2019 hanno monopolizzato le gare di apertura, noi abbiamo ottenuto il massimo" ha detto l'alfiere Honda.

Allo stesso tempo, per le caratteristiche del tracciato, Silverstone si è rivelata una sfida per tutte le squadre della griglia e il 30enne di Carrickfergus ha ammesso che lo è stata anche per la compagine di Havier Beltran. Nonostante questo aspetto, la costanza nelle tre gare ha giocato un ruolo fondamentale per il prosieguo della battaglia per la conquista del titolo piloti.

"Al termine della manche del sabato abbiamo studiato un piano per la domenica - ha dichiarato Glenn Irwin - in Gara 1 sono stato a lungo al comando delle operazioni, ho pensato veramente che ci fosse la possibilità di vincere, però mi hanno beffato sul più bello. Ci siamo confrontati come una vera squadra e abbiamo cercato di ottenere il massimo dalla moto, migliorando l'usura delle gomme e il mio stile di guida. Purtroppo ciò non è bastato a farci salire sul podio, ma sono felice della prestazione".

Un approccio inedito per Glenn Irwin, molto più amministratore che in passato, sulla stessa falsariga del suo amico e collega Jonathan Rea. Nonostante non sia salito sul podio per la prima volta in stagione, il più grande dei fratelli Irwin ha mantenuto intatta la leadership di campionato. 

"E' stato un caso quello di aver parlato prima con Jonathan Rea - ha aggiunto Irwin - non abbiamo vinto la battaglia di Silverstone, ma abbiamo vinto la mini battaglia, ovvero quella con i miei avversari per il titolo".

Adesso la contesa per l'alloro 2020 si sposta ad Oulton Park, dove Honda Racing UK faticò e non poco la passata stagione. L'attuale leader del BSB British Superbike si aspetta altre tre gare combattute, con Ducati come favorita numero uno.

"Prevedo una Yamaha competitiva e ho visto veloce lo stesso Ryde, tuttavia penso che Oulton Park sia il circuito più favorevole per le Ducati. Brookes ed Iddon sono sempre stati a loro agio, mentre Bridewell è il detentore del record della pista, per cui la pressione sarà tutta su di loro. Dovremo restare concentrati su noi stessi e sfruttare qualsiasi occasione, inoltre avremo da testare alcune componenti sulla moto nel corso delle libere" ha concluso.

Share

Articoli che potrebbero interessarti