MotoGP, Miller: “Misano? Un anno fa un disastro, questa volta sarà diverso”

Share


In Austria Jack Miller ha sfiorato per un soffio la prima vittoria in Ducati, lasciando il successo alla KTM di Miguel Oliveira. Nonostante il secondo posto al Red Bull Ring, il pilota australiano è affamato di rivincita su un tracciato dove i colori della Rossa sono di casa.

Non manca quindi l’aspettativa nei suoi confronti dopo le due settimane di pausa.

“Le sensazioni sono buone – ha esordito Jack - nelle ultime due settimane ho cercato di recuperare il miglior stato di forma, allenandomi soprattutto in bicicletta. Ho cercato di svolgere attività fisica, lavorando sulla spalla infortunata in Austria e al momento la sensazione è buona. Riesco infatti a distendere il braccio senza avvertire dolore”.

Da Misano ci sarà un vero e proprio tour de force ad attendere i piloti con ben nove gare in undici settimane.

“Non credo sia un problema disputare così tante gare per noi piloti. Di sicuro sarà un programma particolarmente impegnativo, che in alcune occasioni ci vedrà impegnati per ben due volte sulla stessa pista, ma non lo vedo come un ostacolo. Sarà importante non farsi male e rimanere sempre al top della forma”.

In Riviera Miller troverà un nuovo asfalto.

“Nel pomeriggio ho avuto modo di guardarlo da vicino. Da quanto ho sentito il nuovo asfalto è migliore e questo me lo hanno confermato anche alcuni piloti. Vedremo quindi cosa accadrà a partire dalle libere, dato che lo scorso anno è stato un disastro”.

C’è chi, come Michele Pirro, ha avuto modo di girare a Misano negli scorsi mesi.

“Non ho parlato con Michele in merito ai test, ma mi sono confrontato più che altro con gli ingegneri. Non siamo entrati più di tanto nel dettaglio della questione, ma è stato un discorso abbastanza generale. Penso che saremo più competitivi”.

Share

Articoli che potrebbero interessarti