SBK, Luca Bernardi vince e convince nel CIV e punta alla moto di Locatelli

Il 18enne di Gomma Racing sta letteralmente dominando la stagione del CIV SS600 con quattro vittorie all'attivo. A Vallelunga proverà a vincere il titolo sapendo di aver attirato l'attenzione dei grandi, il sogno è la moto di Locatelli

Share


Non si vincono a caso quattro gare su sei disputate, sono questi gli incredibili numeri della stagione di Luca Bernardi. L'attuale leader del CIV SuperSport 600 è uno dei nuovi astri nascenti del motociclismo “made in Italy”, anzi, “made in San Marino”. Al termine dei primi tre appuntamenti stagionali Bernardi guida la classifica di campionato con 116 punti, 23 lunghezze di vantaggio su Davide Stirpe e 32 su Stefano Valtulini. Un ruolino di marcia impressionante per il 18enne che sta già attirando su di sé l'attenzione di molte squadre di caratura internazionale.

Luca Bernardi, nel corso della sua giovane e promettente carriera, si è sempre messo in mostra per le sue qualità. Un ragazzo cordiale, tranquillo, a cui piace il mondo del motociclismo, che nel corso di questi anni è sempre stato in grado di far conciliare studio all'IPSIA di Rimini e moto senza particolari problemi. Una scuola superiore in cui anche gli stessi professori sono grandi appassionati di motori e vedono di buon occhio la sua carriera di pilota.

Gli inizi in Minimoto e il debutto nel CIV

Il sammarinese ha iniziato a gareggiare alla tenera età di cinque anni grazie a suo padre, campione italiano di enduro nel 1991. Ha corso in Minimoto, MiniGP, PreMoto3 e Moto3. Dopo alcuni risultati altalenanti, il 2017 si è rivelato un anno fondamentale per il suo percorso di crescita. Grazie alla conquista del titolo italiano SuperSport 300, e del trofeo monomarca Yamaha R3 Cup, Bernardi ha attirato l'attenzione di Yamaha. Otto podi ottenuti su dieci gare, tre dei quali sul gradino più alto, non passano di certo inosservati. 

La Casa di Iwata non ci ha pensato due volte, decidendo di selezionarlo per partecipare nel 2018 al World SS300 con il Team Trasimeno. Nonostante i soli 30 punti conseguiti, l’esperienza nel Mondiale lo ha aiutato nel processo di maturazione. Specialmente nell’apprendere velocemente nuovi circuiti. Parallelamente, il pilota di San Marino si è confermato su ottimi livelli nel contesto del CIV SS300 con la seconda posizione finale.

Il passaggio nella SS600

La passata stagione è poi arrivato il passaggio di categoria, nella SuperSport 600, con il rinomato GAS Racing Team. Un anno di apprendistato in sella alla Yamaha YZF-R6, ma decisamente positivo con la pole position e il podio ottenuti al Mugello. Luca Bernardi ha chiuso il campionato in 11esima posizione con 66 punti all’attivo, risultando il miglior rookie della classe.

Il salto di qualità con Gomma Racing

L'esito del 2019 gli è valso la chiamata del Team Gomma Racing Yamaha, campione in carica del CIV SS600. La squadra capeggiata da Alessio Corradi, dopo aver vissuto un anno trionfale con Lorenzo Gabellini, ha deciso di investire sulla giovane promessa sammarinese. Una scelta ponderata, ma rivelatasi azzeccata. 

La stagione non poteva che iniziare nel migliore dei modi con la doppietta ottenuta sui saliscendi del Mugello. Come se non bastasse, nel round successivo di Misano, Bernardi si è messo ulteriormente in mostra grazie ad una stupenda battaglia con la wild card d'eccezione Lucas Mahias. Il 18enne, assieme al campione mondiale 2017 di categoria, ha dato vita ad una serie di sorpassi e contro - sorpassi ai fini dello spettacolo e della vittoria in pista di Gara 2 (Mahias ha corso fuori classifica). Un duello piaciuto al francese che, in un primo momento, si è congratulato con Bernardi per poi annunciarlo a gran voce anche suoi propri canali social.
 
"Non sono preoccupato per i futuri piloti italiani in SS600, nel CIV alcuni di loro hanno il posto assicurato nel Mondiale @luca19bernardi!" ha scritto Mahias.

Lo scorso fine settimana, ad Imola, è arrivato anche il primo ritiro dell'anno a causa della rottura del motore della sua Yamaha YZF-R6. Uno zero che ha lasciato tanto amaro in bocca a Bernardi, primo fino a quel momento, ma che gli ha consentito di rifarsi con gli interessi in Gara 2 impostando un ritmo inavvicinabile per gli avversari (sull'1.52 alto).

Adesso, in vista dell'ultimo round di Vallelunga del 17-18 ottobre, l'alfiere Gomma Racing si presenta in testa alla classifica di campionato con 116 punti, quattro vittorie e un terzo posto all'attivo. Un ruolino di marcia che non accenna a terminare.

Sirene Mondiali

In attesa della chiusura dei giochi, in virtù di tali prestazioni, Luca Bernardi ha già iniziato a stuzzicare l'occhio a molte squadre di livello internazionale, specie del World SuperSport 600.

Il sammarinese ha dichiarato più volte le sue intenzioni di approdare al Mondiale di categoria la prossima stagione, magari prendendo il posto proprio di Andrea Locatelli in Bardahl Evan Bros. In tal senso la vittoria nell'italiano sarà di vitale importanza per i possibili scenari futuri.

 

Share

Articoli che potrebbero interessarti