MotoGP, Stoner: "Non è un vero mondiale, senza Marquez può vincerlo chiunque"

"Sarò un po' troppo presuntuoso ma penso che chiamarlo campionato del mondo sia un po' troppo, si corre due gare sullo stesso circuito, e se questa selezione di circuiti si addice a qualcuno è davvero un grande vantaggio"

Iscriviti al nostro canale YouTube

Share


Il podcast di Australian Grand Prix Corporation In the Fast Lane ha pubblicato l'episodio di questa settimana con l'ospite speciale, il due volte campione del mondo di MotoGP Casey Stoner.

Stoner si è unito a Matt Clayton e Michael Lamonato per offrire le sue riflessioni su una stagione imprevedibile fino ad oggi, sul futuro di Valentino Rossi a 41 anni, sul passaggio di Jack Miller alla Ducati ufficiale per il 2021 e sul significato dell'assenza di Marc Marquez per il campionato di quest'anno.

Casey è noto per non avere peli sulla lingua, per cui non ci stupiamo che quando gli è stato chiesto cosa pensa di questo mondiale in epoca Covid, pur pensando che sia fantastico che le corse siano ripartite, non crede che contino come una vera stagione di campionato del mondo.

"Sfortunatamente sarò un po' troppo presuntuoso su alcune cose, penso che chiamarlo campionato del mondo sia un po' difficile quest'anno, si corre due gare sullo stesso circuito, e se questa selezione di circuiti si addice a qualcuno è davvero un grande vantaggio e non si viaggia davvero in giro per il mondo - ha detto Stoner, che ha aggiunto - Creare un campionato mondiale (da zero N.d.R.) non è una cosa di cui sono un grande fan, ma correre in sé è fantastico, per alzarsi e partire”.

Stoner ha anche offerto le sue riflessioni su come il titolo sia in palio con Marc Marquez attualmente in panchina.

"Onestamente penso che si possa vincere praticamente con qualsiasi moto in griglia al momento, sono tutte molto simili, hanno solo alcune caratteristiche diverse e dove trovano la loro velocità", ha detto Stoner.

"Chiunque raggiunga un po' di forma a questo punto, senza Marc in campionato, vincerà il campionato. Come abbiamo visto, può succedere di tutto e le persone che si pensava sarebbero andate in fuga, chiaramente non lo hanno fatto”.

Poi Casey ha aggiunto.

“Senza Marc, onestamente, non c'è un leader al momento. E lo si vede dai risultati dei piloti che stanno sul gradino più alto del podio. Marc era un leader e ha portato quel campionato a un altro livello. Quando c'ero io, Valentino, Jorge e Dani eravamo sempre in testa. Attualmente non c’è nessuno con questa consistenza”.

Spiegandosi meglio Stoner ha poi parlato anche di sé stesso.

"La grande differenza, ancora una volta, è che non c'è un leader per la gente. Se non sei un leader, allora sei un seguace. E se sei un seguace, devi vedere qualcuno che fa qualcosa sulla moto per credere di poterci arrivare. Io non mi definisco necessariamente un leader, ma non ho mai guardato la porta accanto e ho pensato che l'erba fosse più verde. Ho pensato che questa è la moto con cui devo lavorare, quindi devo trovare un modo per essere veloce. E questo è esattamente quello che fa Marc. Non si preoccupa del resto. E così facendo gli altri pensano: bene, se lui può fare questo, io posso almeno avvicinarmi”.

Il podcast è disponibile sulle piattaforme Spotify, Google Podcast e Apple Podcast, oltre ad essere caricato sui canali ufficiali di AGPC su YouTube.

Share

Articoli che potrebbero interessarti