Tu sei qui

SBK, BSB, Ryde e Tarran Mackenzie dominano a Silverstone, male le Ducati

Sul layout 'National' di Silverstone i due piloti di Buildbase Suzuki e McAMS Yamaha si sono divisi le vittorie nelle tre gare del fine settimana. Solamente un podio per Ducati con Brookes, Glenn Irwin sempre leader di campionato

SBK: BSB, Ryde e Tarran Mackenzie dominano a Silverstone, male le Ducati

Share


Nel corso del fine settimana si è svolto il terzo appuntamento stagionale del BSB British Superbike. Con il giro di boa del campionato svoltosi a Silverstone, nella sua versione 'National', nelle tre gare non sono di certo mancate le emozioni e i colpi di scena. Se nei precedenti due eventi sono state le formazioni di Honda Racing UK, VisionTrack PBM Ducati e MotoRapido Oxford Racing a farla da padrone, lungo i 2640 metri del tracciato ubicato nella contea di Northamptonshire si sono messi in mostra Kyle Ryde (Buildbase Suzuki) e Tarran Mackenzie (McAMS Yamaha), su tutti.

Nel British Superbike i piloti si mettono alla prova domando gli oltre 200 cavalli delle loro moto senza alcun tipo di aiuti elettronici. Quello d'oltremanica è il campionato nazionale per eccellenza e, bollato troppo frettolosamente, adesso è un marchio riconosciuto a livello globale. Non siamo certo noi a dirlo, basti pensare che il BSB annovera sette vincitori diversi in nove gare disputate fino a questo momento.

Proprio nel corso del weekend si sono aggiunti a tale graduatoria i piloti sopra citati, con prestazioni al di sopra delle aspettative, a dimostrazione dell'ottimo stato di salute del campionato organizzato da MSV Racing.

Tarran Mackenzie stra-vince in Gara 1

Tarran Mackenzie ha conquistato il successo in Gara 1 del sabato pomeriggio, al termine di una fuocosa rimonta dalla 12esima posizione di partenza. Dopo una qualifica complicata, il figlio d'arte è stato assolutamente impeccabile inanellando un sorpasso dietro l'altro.

Fatta in un sol boccone la coppia Honda Racing UK, il portacolori McAMS Yamaha ha impresso un ritmo degno di nota girando costantemente sotto il record della pista. In pochi passaggi il campione 2016 del British SuperSport 600 ha costruito un gap rassicurante che gli ha permesso di resistere al ritorno finale di Kyle Ryde.

Per Tarran Mackenzie una vittoria importantissima in vista del finale di stagione, la prima del 2020 in sella alla nuova YZF-R1, confermadosi un ottimo interprete del layout 'National' di Silverstone dove vinse anche lo scorso anno in Gara 2.

La fantastica giornata del sabato per la formazione di Steve Rodgers è stata completata dalla terza posizione di Jason O'Halloran, nuovamente sul podio dopo il round di apertura a Donington Park.

Kyle Ryde il re della domenica

Dopo un 2019 difficile da digerire, avaro di risultati, a fine anno il Team Buildbase Suzuki aveva deciso di puntare sul promettente Kyle Ryde per la stagione corrente. Tornato nella categoria regina del Regno Unito da campione in carica del British GP2, il 23enne si è trovato a suo agio fin da subito con la GSX-R 1000 della squadra di Stuart Hicken.

Negli eventi di Donington Park e Snetterton, non a caso, si è spesso inserito nelle lotta per le posizione di vertice, salvo poi essere rallentato dai numerosi problemi tecnici della moto.

In un tracciato più congeniale alle caratteristiche della GSX-R 1000, il pilota di Mansfield è letteralmente esploso dominando la giornata della domenica con i successi in Gara 2 e Gara 3.

Per quanto siano soltanto il sesto e settimo centro della nuova GSX-R 1000 dopo le precedenti affermazioni di Sylvain Guintoli, Bradley Ray, Richard Cooper e Josh Elliott, Kyle Ryde è stato in grado di riportare la Casa di Hamamatsu sul gradino più alto del podio dopo oltre un anno.

Se nella seconda manche ha fatto la differenza negli ultimi passaggi, bruciando sul più bello l'allora leader Josh Brookes, nella terza si è inserito in prima posizione fin dalle prime curve arrivando sotto la bandiera a scacchi con grande stile.

Una domenica assolutamente da incorniciare per Kyle Ryde, protagonista di una vera e propria rinascita sportiva grazie al successo nella Moto2 d'oltremanica. Una scelta, quella di tornare nel BSB, che sta pagando in termini di performance e prestazioni in pista.

Glenn Irwin sempre leader di campionato, in difficoltà le Ducati

In un fine settimana avaro di soddisfazioni, con tre quarti posti, Glenn Irwin ha mantenuto intatta la leadership di campionato. Sfruttando gli scarsi risultati dei diretti avversari, il portacolori Honda Racing UK ha addirittura incrementato il proprio vantaggio in classifica: 35 punti lunghezze rispetto ai Ducatisti Josh Brookes (VisionTrack PBM Ducati) e Tommy Bridewell (MotoRapido Oxford Racing).

Per i piloti della Casa di Borgo Panigale un appuntamento da dimenticare, con il solo Brookes a concludere sul podio con la seconda posizione di Gara 2.

I protagonisti del BSB British Superbike torneranno in azione tra due settimane, sul tracciato di Oulton Park, per il quarto round di questa pazza stagione 2020. Sulla carta si prospetta una riscossa Ducati, ma Buildbase Suzuki e McAMS Yamaha sono tornati in grande spolvero. Senza dimenticare le due Honda Racing UK.

LA CLASSIFICA DI CAMPIONATO

Articoli che potrebbero interessarti