SBK, CIV, Savadori vince e si avvicina al titolo, altro ritiro per Pirro

Ad Imola il tester Aprilia ha fatto nuovamente la differenza. Pirro è stato costretto al ritiro per un problema allo scarico, sul podio anche Zanetti e Cavalieri. Gare avvincenti in tutte le categoria, con tante prime affermazioni. Domani Gara 2

Share


La prima giornata di gare del Campionato Italiano Velocità all'autodromo internazionale Enzo e Dino Ferrari di Imola si è rivelata carica di emozioni. Sotto il sole cocente dell'Emilia-Romagna, in Superbike Lorenzo Savadori ha conquistato la terza vittoria stagionale. Un'affermazione che avvicina il cesenate al titolo italiano a discapito di Michele Pirro, costretto nuovamente al ritiro. Nelle altre categorie successi anche per Luca Ottaviani, Perez Selfa, Mattia Martella e Demis Mihaila. Ecco che cosa è successo.

Savadori vince e allunga in SBK, ennesimo zero per Pirro

Alla vigilia del terzo appuntamento stagionale, molti addetti ai lavori hanno bollato la pista di Imola "pro Savadori e Aprilia". Sebbene nei turni di qualifiche il pilota di Nuova M2 Racing non abbia brillato col quarto tempo assoluto, in Gara 1 è tornato ad imporre la sua legge. Lorenzo Savadori, lungo i 4936 metri del tracciato romagnolo, ha conquistato il terzo successo di questa stagione, il secondo consecutivo.

Grazie ad un'ottima partenza il 27enne di Cesena si è subito inserito a ridosso della prima posizione, temporeggiando nelle primissime convulse fasi di gara. Il momento decisivo della corsa è arrivato al quarto giro, quando Savadori ha sorpassato l'allora leader di gara Luca Vitali all'ingresso della Variante Bassa. Da questo momento in poi Savadori ha accumulato un margine di vantaggio di oltre secondo, concludendo con grande stile sotto la bandiera a scacchi e allungando a +37 in classifica piloti.

Alla felicità del tester Aprilia, ormai vicino al primo titolo italiano SBK della sua carriera, si è contrapposta la frustrazione di Michele Pirro per l'ennesimo zero del 2020. La sfortuna non sembra voler lasciar stare il pilota del Barni Racing Team, protagonista fin qui di un fine settimana altamente negativo contornato anche da due cadute nel corso delle sessioni di qualificazione. Nella manche odierna, nonostante un ottimo avvio, il tester Ducati è stato costretto al ritiro a pochi giri dal termine, come accaduto a Misano, per delle noie allo scarico della V4-R.

A rinvigorire l'orgoglio della Casa di Borgo Panigale ci hanno pensato Lorenzo Zanetti (Broncos Racing Team), secondo e di nuovo a podio dopo il round del Mugello, e Samuele Cavalieri (Barni Racing Team), terzo. Tra i due, chi può recriminare qualcosa è sicuramente il secondo che non ha concretizzato la partenza dalla pole position. Per il bolognese un primo giro complicato che gli ha fatto perdere diverse posizioni, salvo poi recuperare a suon di giri veloci (per Cavalieri anche il nuovo record di Imola in 1'48"213).

Ai piedi del podio un positivo Kevin Calia (DMR Racing), ma staccato di oltre 17 secondi dal gruppo di testa, con Alessandro Andreozzi (ZPM Racing) ed Eddi La Marra (Nuova M2 Racing) rispettivamente in quinta e sesta posizione.

A seguire Andrea Mantovani (Tutapista Corse), Lorenzo Gabellini (Althea Racing), Federico D'Annunzio (ZPM Racing) e Alex Bernardi (VFT Racing) a chiudere la classifica in decima posizione. Da segnalare il ritiro di Luca Vitali (Cherry Box 24 Guandalini Racing) per l'esposizione della bandiera nera in seguito ad un'infrazione nella procedura di partenza.

I RISULTATI DI GARA 1

La prima di Ottaviani in SS600, out sia Bernardi che Bussolotti

Nella giornata delle prime affermazioni, non poteva di certo mancare quella di Luca Ottaviani. Il 27enne di Urbino è un pilota dalla grandissima esperienza nel contesto del CIV SuperSport 600. Al debutto nel lontano 2015, il baluardo Kawasaki aveva ottenuto fin qui cinque miseri podi e una pole position. Se nelle prime gare di questa stagione non è stato in grado di ottenere buone prestazioni, sul circuito di Imola qualcosa è cambiato e lo si è visto fin da subito con la partenza dalla prima posizione.

In una Gara 1 che ha visto ritiri d'eccellenza come quelli di Luca Bernardi e Marco Bussolotti, il portacolori Racing DR ha sfruttato alla perfezione le sfortune altrui per portarsi sul gradino più alto del podio senza mai essere impensierito dagli avversari.

Chi ci ha provato in tutte le salse è stato Luca Mercandelli (Sc.Improve Firenze Motor) con l'unica Honda dello schieramento, salvo poi arrendersi negli ultimi due passaggi accontentandosi della seconda posizione finale con sei secondi di ritardo. Sul podio anche il campione 2017 di categoria Davide Stirpe ( Extreme Racing Bardahl), molto a suo agio sui saliscendi di Imola.

Quarta posizione per Stefano Valtulini (Black Flag Motorsport), molto distante dalla lotta per la vittoria ma, allo stesso tempo, punti importanti in ottica campionato visto gli zeri dei suoi diretti avversari. Il pilota di Calcinate ha preceduto la new entry d'eccezione Livio Loi (Renzi Corse), subito competitivo nel contesto del Campionato italiano. Sesta posizione per Matteo Ciprietti (SGM Tecnic Marinelli Team), al miglior risultato stagionale.

Prima manche assolutamente da dimenticare per i due grandi attesi della vigilia, ovvero Luca Bernardi (Gomma Racing) e Marco Bussolotti (Seven Team Ctbk). Il primo, in testa alla classifica piloti, si è dovuto ritirare in seguito alla rottura del motore della sua Yamaha YZF-R6 mentre si trovava saldamente al comando delle operazioni. Il secondo, invece, è finito a terra nel corso del primo giro alla Variante Bassa. Uno zero a zero calcistico, ma che apre tanti possibili scenari nell'ambito della classifica piloti con adesso Bernardi, Valtulini, Stirpe  e Bussolotti racchiusi in soli 27 punti. 

I RISULTATI DI GARA 1

Perez Selfa pigliatutto in Moto3, Surra e Giombini sul podio

La prima volta non si scorda mai, come si suol dire. Un'espressione che calza a pennello con la prestazione in Gara 1 di Vicente Perez Selfa. Il portacolori RGR TM Racing Factory Team ha conquistato il primo successo di carriera nel contesto del CIV Moto3. Lo spagnolo, dai trascorsi nel CEV e al debutto nel Campionato Italiano Velocità, allo spegnimento dei semafori è partito perfettamente dalla piazzola numero uno della griglia.

Nell'arco di un singolo giro il 22enne di Cullera è riuscito a costruire un gap di vantaggio di oltre un secondo, aumentandolo e portandolo fino al traguardo, mettendo in mostra un impressionante ritmo. Come nel corso delle sessioni di qualifiche e prove libere, Vicente Perez si è rivelato di gran lunga il miglior interprete delle pendenze di Imola limando di oltre tre decimi (1'57"782) il record della pista risalente alla passata stagione.

Lo spagnolo ha così approfittato del, fin qui, fine settimana negativo del leader di campionato Kevin Zannoni (adesso a -28 in classifica piloti). Il baluardo dello Junior Team Gresini, non al meglio fisicamente e reduce da quattro successi consecutivi tra Mugello e Misano, ad Imola è apparso in difficoltà fin dai primi turni di prove. In sella alla sua Honda ha comunque limitato i danni con la quarta posizione, finendo alle spalle anche del compagno di squadra.

Andrea Giombini, infatti, dal canto suo, ha pensato bene a tenere alta la bandiera di Fausto Gresini sul podio con una sensazionale terza posizione. Dopo una prima fase di adattamento, il baby di Roma ha sbalordito tutti per le sue qualità centrando il primo podio della stagione. Il 16enne si è piazzato alle spalle di Alberto Surra (Team Minimoto), secondo, nuovamente a podio e in grado di recuperare qualche punto su Zannoni.

Distacchi abissali per il resto del gruppo, ad oltre diciotto secondi, a partire dalla quinta posizione di Alessandro Morosi (RGR TM Racing Factory Team). Il 16enne di Arsago Seprio ha preceduto Omar Bonoli (Oscar Team) e Alex Escrig Reche con la BeOn.

Matteo Patacca (Protech Racing Team), in rimonta dalla 15esima posizione di partenza, Davide Cangelosi (M&M Technical Team) e Filippo Bianchi (Oscar Team) hanno completato la top ten. Tanta sfortuna per Nicola Fabio Carraro (RGR TM Racing Factory Team), autore di una scivolata mentre si trovava in piena lotta per il podio.

I RISULTATI DI GARA 1

Martella beffa Mora in SS300, a terra Settimo

Le gare della SuperSport 300 sono sempre molto spettacolari, piene di sorpassi e colpi di scena. Gara 1 di Imola non è stata da meno, con un bellissimo duello per la vittoria tra Mattia Martella (Prodina Ircos Team) e Giacomo Mora (Junior Team AG Yamaha Pata). I due giovanissimi hanno dato vita ad una serie di sorpassi e contro - sorpassi  nell'arco di tutti i 12 giri di corsa.

Il pilota Kawasaki è stato abile nel beffare il baluardo Yamaha in ingresso alla Variante Bassa all'ultimo giro, nonostante il netto taglio di chicane da parte di entrambi. Come se non bastasse, per Martella anche la prima vittoria di carriera nel contesto del CIV SS300.

Alle loro spalle, lotta serrata in casa Team Runner Bike con Giuseppe De Gruttola a tagliare terzo sulla bandiera a scacchi, al primo podio, davanti al compagno Nikolas Marfurt. Quinta posizione per Nicola Bernabè (Team Pedercini), protagonista di una strabiliante rimonta dalla 13esima posizione di partenza, a precedere la coppia CM Racing composta da Lee Doti e Manuel Bastianelli.

Per il pilota romano una settima posizione che lascia l'amaro in bocca per la caduta del leader di classifica Nicola Settimo. Il portacolori Prodina Ircos Team è rimasto vittima di una caduta alla Variante Bassa, per poi ripartire e concludere in 14esima posizione. La classifica di campionato vede adesso Settimo comandare con soli nove punti di vantaggio su Bastianelli.

Da segnalare anche la caduta del poleman Emanuele Vocino (GradaraCorse PZracing), in uscita dalla Rivazza, a causa di un contatto con Emanuele Marino (Prodina Ircos Team).

I RISULTATI DI GARA 1

Mihaila vince in PreMoto3, Lolli e Pini a completare il podio

Demis Mihaila ha conquistato la vittoria nella prima gara del fine settimana riservata ai giovanissimi piloti della PreMoto3. Al termine di una corsa condotta in modo magistrale, l'alfiere Pasini Racing ha portato a casa il primo successo stagionale rilanciando le proprie quotazioni di classifica.

Distacchi importanti per gli avversari, con Cristian Lolli (M&M Technical Team) in seconda posizione con quasi nove secondi di ritardo dal vincitore odierno, ma salvaguardando la leadership di campionato. Terza posizione per Guido Pini (AC Racing Team) a completare il podio.

Alle loro spalle, ottima prestazione per Michele Amadori (Nuovo M.C. R. Pasolini) che ha preceduto Leonardo Zanni (IGP2T) e Jose Salvans Juarez (Motozoo Racing).

Gara negativa per Edoardo Liguori (Team Pasini Racing), finito a terra a pochi giri dal termine dopo essere stato in testa alla corsa fino all'ottavo dei dodici passaggi previsti.

I RISULTATI DI GARA 1

I protagonisti del Campionato Italiano Velocità torneranno in azione domani, sul tracciato di Imola, per i warm up e Gara 2.

Photo cortesia: Benzina.

Share

Articoli che potrebbero interessarti