Carburanti ad un euro al litro in Friuli Venezia Giulia. Che idea

Perché andare in Slovenia a fare rifornimento, quando puoi farla a "casa tua"? Arriva un mese di super sconti per scoraggiare gli utenti ad andare all'estero

Share


"Signore e Signori, tutto a un euro!". Andiamo per gradi. Le Regioni a statuto speciale, si sa, hanno delle agevolazioni. Ad esempio, già da diversi anni coloro che resideno nel Friuli Venezia Giulia hanno la possibilità di effettuare il pieno di carburante con un'apposita tessera (cosa peraltro possibile anche in altre zone di confine, come in passato Como  Sondrio, sempre con una tessera). Questa consente infatti di ottenere degli sconti. Da ieri, 31 agosto, invece, arrivano ulteriori agevolazioni, abbastanza da riuscire a pagare il carburante (benzina e gasolio), addirittura meno di un euro al litro!

Perché questa agevolazione?

Chi ha la fortuna, in questo caso, di abitare al confine con la Slovenia, spesso si reca in questo stato per fare carburante. Il motivo è semplice, il carburante ha un prezzo inferiore rispetto che da noi in Italia. Ecco che dunque, in via sperimentale fino al 30 settembre 2020, la Regione ha pensato di mettere mano. Come? Riservando per ben un mese gli sconti più sostanziosi a coloro che resiedono nei comuni di confine dell'Area 1. Parliamo della zona più vicina al confine, dove ovviamente i benzinai "soffrono" questo tipo di cosa.

"Tutto a un euro"

Nella Area 1, il contributo reginale sarà di 0,29 euro/litro per la benzina e 0,20 euro/litro per il gasolio. Un altro aiutino arriva dalla compagnie petrolifere che hanno preso accordi con la Regione. Si parla infatti di una aggiunta di 0,05 euro di sconto per ogni litro. Insomma così facendo, si può addirittura scendere a meno di un euro in certi casi, e così facendo si va vicino ai prezzi praticati dalla Slovenia, così da scongiurare lo sconfinamento.

Area 2, sconti inferiori

E' poi stata identificata una seconda zona, denominata Area 2, dedicata agli altri comuni del Friuli Venezia Giulia. Grazie alla "Tessera regionale dei servizi", si potrà ottenere il seguente sconto: 0,14 euro/litro sulla benzina e 0,09 euro/litro sul gasolio. Attenzione poi, poiché coloro che sono in possesso di una auto ibrida (a patto che sia dei privati), quindi per entrambe le aree, è previsto un ulteriore sconto di 0,05 euro/litro. La finalità dell'operazione è quella di spostare i consumi in un momento di crisi, facendoli rientrare in Italia. La stima è di circa 350 mila euro totali per i consumatori finali. Quanto durerà questa cosa? Potrebbe avere senso rivedere le tasse sui carburanti in tutta Italia?

Share

Articoli che potrebbero interessarti