SBK, Davies: "Il mio futuro? Ancora non ho novità"

"Dobbiamo ancora aspettare. Aragon? Sono convinto del mio potenziale, ma questo non sarà un weekend diverso dagli altri"

Share


Nella lotta mondiale tra Scott Redding e Jonathan Rea, oggi a spuntarla nel venerdì di prove libere sul circuito di Aragon è stato Chaz Davies. Il pilota britannico è riuscito a trovare un gran giro questa mattina, candidandosi prepotentemente alla vittoria in un circuito che conosce bene e sul quale si è tolto molte soddisfazioni in carriera. Chaz si trova nella difficile posizione di dover scegliere per il proprio futuro con Ducati che gli avrebbe proposto la moto del team Aruba anche per il prossimo anno a cifre ovviamente top secret ma che dovrebbero essere in linea con quelle del contratto di Scott Redding (come vi abbiamo spiegato QUI)Chaz, quando sapremo qualcosa del tuo futuro? Questo weekend, con la possibilità di vincere potrebbe essere cruciale in tal senso?

“Io gareggio sempre per vincere e c’è sempre la possibilità di farlo, qui sono sempre andato bene ma non per questo sarà un weekend diverso dagli altri. Per il mio futuro ci sarà ancora da aspettare al momento non c’è nessuna novità”. 

Nella giornata di oggi Chaz Davies ha stupito soprattutto in relazione ai test svolti proprio sul tracciato di Aragon due settimane fa, nei quali il britannico non aveva brillato.

“I test sono una cosa, le gare un’altra. Due settimane fa ho fatto un buon lavoro e anche se non ero nelle posizioni importanti mi sentivo forte. Oggi la mattinata è stata solida e ho lavorato molto visto che dovevamo confermare un paio di dettagli che non eravamo riusciti ad approfondire durante il pomeriggio del secondo giorno di test a causa della pioggia”. 

Scorrendo la classifica dietro di te c’è un’altra Panigale V4 R, quella di Rinaldi, mentre Scott Redding è un po’ più indietro in 8° posizione. Sembra che il tuo compagno di squadra abbia avuto dei problemi nelle zone dove si frena più forte. Hai sentito qualcosa anche tu?

“Non so cosa gli sia successo, io non ho avuto nessun tipo di problema oggi”.

Cosa puoi dirci per quanto riguarda il tuo passo?

“Il passo è buono, e sono convinto del mio potenziale. Dentro di me ho la giusta consapevolezza in merito al potenziale che posso esprimere, anche se devo capire meglio le prestazioni delle gomme in relazione alla temperatura. Con tutti questi pneumatici non è mai semplice scegliere nel modo corretto, ci sono tante opzioni”. 

Domani potrebbero cambiare le condizioni meteo e di conseguenza anche la scelta delle gomme potrebbe essere un terno al lotto. Come affronterai questa situazione?

“La temperatura sarà un aspetto chiave per la gara di domani, dato che è previsto un calo importante delle temperature. Oggi abbiamo fatto tutto il lavoro possibile sulle gomme e siamo pronti anche per la giornata di domani”. 

Si dice che questa sia una pista favorevole alla vostra moto per via del lungo rettilineo. Pensi davvero che sia così?

“Non è così semplice, il rettilineo è davvero lungo e la difficoltà sta nella ricerca del giusto compromesso sulla moto. In questo tracciato è importante anche l’entrata in curva, per poi sfruttare al meglio l’uscita. Non c’è mai una soluzione definitiva che valga per tutte le piste della stagione e che soddisfa quello che si vuole veramente e penso che questa cosa valga per me, così come per gli altri piloti”. 

Correrete qui ad Aragon anche la prossima settimana per la prima storica doppietta della SBK. Credi che le forze in campo rimarranno le stesse o potrebbero esserci delle sorprese? 

“In MotoGP abbiamo visto che due gare sulla stessa pista sono state interessanti, non c’è nulla di scritto”

 

Articoli che potrebbero interessarti