MotoGP, Dovizioso: "Problemi ai freni? Nessuno, se usi il materiale migliore"

Andrea scagiona indirettamente Brembo. Vinales avrebbe usato la vecchia pinza, sconsigliata dai tecnici italiani al Red Bull Ring

Share


La foto dei rottami della moto di Vinales spiegano meglio di mille parole il rischio che lo spagnolo della Yamaha ha corso ieri al Red Bull Ring. Rimanere senza freni alla fine di un rettilineo dove la lancetta supera abbondantemente i 300 Km/h è l’incubo di ogni motociclistica, piloti compresi. Maverick se l’è cavata solo con uno spavento.

Facile sarebbe incolpare Brembo dell’accaduto, ma anche tutte le altre moto sullo schieramento montano i freni italiani e non hanno avuto problemi. Ogni pilota, però può scegliere tra una varietà di pinze e dischi quelle che si adattano meglio alle sue caratteristiche e della moto.

Il Red Bull Ring, però, non è un circuito come gli altri: i dischi superano spesso e volentieri gli 800°, è una pista da bollino rosso. Per questo i tecnici della Brembo avevano consigliato a tutti i piloti di montare la nuova pinza introdotta quest’anno che garantisce una migliore dissipazione del calore. Tutti li hanno ascoltati, ma Vinales no.

L’introduzione è fondamentale per capire le parole pronunciate  ieri da Dovizioso commentando l’incidente  a Vinales.

“In Ducati sono sempre stati molto bravi in questo campo, abbiamo sembra contributi allo sviluppo dei freni perché per il mio stile di guida punto molto sulla staccata - ha spiegato - Ho sempre avuto il materiale migliore e non ho mai avuto problemi. Ogni moto ha esigenze diverse in frenata e può darsi che altre Case non fossero preparate come nuovi e abbiano avuto problemi più grandi. Faccio un esempio, Honda ha spesso usato dischi più piccoli perché non aveva bisogno di quelli più grandi e tutto quello che non è necessario non si usa. Comunque c’è la possibilità di migliorare”.

Anche Valentino Rossi ha detto che, dopo qualche problema nel primo fine settimana in Austria: “ma da  venerdì scorso ho iniziato a usare il nuovo materiale e sono comparsi”.

Share

Articoli che potrebbero interessarti