MotoGP, Petrucci: "I dati di Dovi aiutano, ma prima devo lavorare su me stesso"

"Devo imparare a usare meno il freno motore, come impongono le nuove carcasse. Con la pioggia questa pista diventa pericolosa, ma si può fare poco a riguardo ora"

Share


Non è bastato (per ora) il Red Bull Ring a risollevare l’animo e la prestazione di Danilo Petrucci, 12° alla fine del primo giorno di prove in Austria. Il pilota ternano continua a combattere con le nuove carcasse portate da Michelin, che lo costringono a mutare il proprio stile di guida e lo rendono (per il momento) meno performante del passato.

“Stamattina sono partito bene - racconta Petrucci - ma con il passare dei giri non riesco a chiudere le curve. Grazie a Bagnaia, Zarco e Dovizioso ho qualche indizio sulla strada da percorrere, ma non ho potuto fare le dovute prove oggi”.

Dall’altro lato del box le cose sembrano migliorare, e Petrucci potrebbe sfruttare le cose a proprio vantaggio.

“Guardare i dati di Andrea può sicuramente aiutare, ma in primis devo imparare ad utilizzare meno il freno motore, dato che quest’anno non posso usarlo quanto voglio con le nuove carcasse. Devo frenare più forte io con il freno, diventando meno dipendente dal freno motore”.

Il pensiero corre poi a domani, ed alla speranza di riuscire a centrare il passaggio diretto in Q2. Tanti “big” sembrano faticare al pari di Petrucci, che cerca di restare positivo.

 “Ho delle armi da utilizzare per risalire, del resto le altre Ducati sono vicine e solo Dovi ha fatto la differenza. Devo migliorare nelle frenate, voglio entrare in Q2 direttamente e ci sono ampie chance: spero non piova, ed anche in quel caso occorrerà capire la portata della pioggia, ma voglio solo essere veloce”.

La pioggia citata da Danilo resta un’incognita, specie su un tracciato non particolarmente adatto al bagnato come il Red Bull Ring.

“Con il bagnato reputo la pista abbastanza pericolosa, sia per la vicinanza dei muretti che per il passaggio delle Formula 1, che hanno reso l’asfalto molto liscio e scivoloso nei punti di frenata. Credo comunque che non si possa fare tanto per queste cose in questo weekend, quindi c’è poco da dire”.

Share

Articoli che potrebbero interessarti