Milano: i monopattini e le bici fanno 530 feriti in 66 giorni

Siamo prossimi all'emergenza, servono targhe, assicurazione e casco. I numeri di Areu sono impressionanti

Share


Ormai tutti hanno una bicicletta o un monopattino, ma quanti guidano con la testa? A Milano, intanto, è emergenza sulla sicurezza stradale. I dati parlano chiaro, in 66 giorni, la bellezza di 530 feriti. Oltre cinquanta di media in una settimana, ovvero otto al giorno. Vi sembra abbastanza per pensare che magari sia il caso di fare qualcosa? Eppure, è stata la città della Madonnina a promuovere il green...

E' tutta colpa di...

Di chi è la colpa? Diciamo che il monopattino in strada, con le ruotine piccine, l'assenza di vere sospensioni, può sicuramente rappresentare un pericolo. Mettiamoci poi l'incoscienza delle persone, che si “buttano” perché “tanto ci passo e ce la faccio”. Aggiungiamo poi che le ciclabili non sono sempre perfette al 100%. Insomma, ognuno ha le sue colpe. In ogni caso, qualcosa va fatto, perché prima o poi ci scappa il morto. Attenzione, non siamo noi a dare questi dati, ma l'assessore regionale alla sicurezza Riccardo De Corato, che ha divulgato i dati che della centrale operativa di Areu.

I dati precisi

Andando ad analizzare i dati, andremo a scoprire che dal primo giugno al 6 agosto, si sono verificati 286 sinistri causati da una caduta da una bicicletta, 161 quelli che coinvolgono l’investimento di un ciclista. Ben 86, quelli dovuti alla mobilità elettrica. Insomma, 533 casi, non considerando le persone che si sono recate in modo autonoma in ospedale, e dunque non registrati da Areu.

Dure le parole di De Corato: "Invece di ragionare solo ideologicamente l’assessore Granelli e il sindaco Sala dovrebbero pensare a normare l’uso dei monopattini che anche se non inquinano sono comunque molto pericolosi, Per arginare tale pericolo i mezzi di mobilità elettrica devono essere dotati di targhe, come avviene già in Germania, l’uso del casco deve essere reso obbligatorio così come la stipulazione di un’assicurazione", Come dargli torto...

Share

Articoli che potrebbero interessarti