MotoGP, Allarme Quartararo: “KTM ha provato tanto in Austria, sarà pericolosa”

“I dati raccolti li aiuteranno in gara”, Morbidelli: “Il Red Bull Ring non è una pista favorevole per la Yamaha, ma questo è scritto solo sulla carta”

Share


Cinque motori punzonati, una pista veloce e una KTM che vola grazie a 15 giorni di test in più, di cui sei sul tracciato austriaco. Le premesse non sembrano essere delle migliori per Fabio Quartararo e la Yamaha, che arrivano al Red Bull Ring con l’obiettivo di rimediare al deludente weekend di Brno.

Da parte sua non manca l’aspettativa, ma allo stesso tempo la consapevolezza che sarà un esame di quelli ad altissimo coefficiente di difficoltà: “Quello di Brno non è stato certo il mio miglior fine settimana – ha ammesso il portacolori Petrons – arriviamo però in Austria con ben nove punti in più in Campionato ed è un aspetto positivo. Il Red Bull Ring mi piace molto e di conseguenza non vedo l’ora di correre le due gare consecutive”.

Il francese guarda poi ai rivali: “Di sicuro la KTM sarà forte, anche perché hanno provato molto su questa pista – ha aggiunto- questo significa che avranno molti dati importanti da utilizzare in gara. Ovviamente dovremo tenere in considerazione anche le condizioni meteo, ma sappiamo di poter essere competitivi e di poter ripetere il podio dello scorso anno”

Sul podio invece ci vuole tornare Franco Morbidelli, reduce dal secondo posto in Repubblica Ceca: “L’ultimo risultato ci ha dato una grande iniezione di fiducia in vista di queste due gare consecutive in Austria, così come la consapevolezza di poter lottare per la prima fila – ha detto - sulla carta l’Austria non sembra essere une delle piste dove possiamo essere forti, ma questo è solo sulla carta. Dovremo infatti valutare le condizioni e le sensazioni a partire dalla prima sessione di prove di venerdì”.    

  

Share

Articoli che potrebbero interessarti