MotoGP, Vinales: "L'unica nota positiva è che anche Quartararo ha faticato"

"Non si può pensare al campionato quando arrivi 14°, ma non mi butto giù. Le gomme? Tutte tonde e nere, ma oggi la mia patinava anche in rettilineo"

Share


Non so da quanto tempo non arrivavo 14°, non è una cosa facile da accettare” dice uno sconsolato Vinales al termine della gara di Brno. Se si vuole prenderlo in parola, bisogna risalire al suo anno di debutto sulla Suzuki per trovarlo così indietro al traguardo, ma a quei tempi non veniva da due secondi posti consecutivi.

Maverick era stato veloce sia in prova che in qualifica, ma in gara è evaporato, e non è una novità assoluta per lo spagnolo. Già in passato la domenica non aveva confermato le sue prestazioni del fine settimana.

Dalla prima curva mi sono accorto che la gomma posteriore non aveva grip, slittava anche per tutto il rettilineo” il breve riassunto della sua gara.

Manca però il colpevole.

Per tutto il fine settimana mi era mancato qualcosa, avevo faticato con le gomme - spiega - Però rimane difficile capire perché nel warm up sono stato 2° e in gara 14°. La perfezione non esiste, forse abbiamo fatto un errore, dobbiamo rimanere positivi, il potenziale per fare bene c’è. Ora gli ingegneri di Yamaha analizzeranno tutti i dati, in Austria le gomme saranno molto simili a quelle usate qui a Brno e voglio tornare a lottare per le prime posizioni”.

Per Vinales è difficile trovare qualcosa di positivo in questa domenica.

Non penso al campionato, non puoi farlo quando arrivi 14°, ma l’unica cosa positiva è che oggi Quartararo è stato 7° e Dovizioso solo due posizioni davanti a me - dice - Però Morbidelli con la M1 dello scorso anno è stato 2°, bisogna capire perché a Jerez ero veloce e qui no”.

Maverick non nomina mai le gomme.

Sono tutte tonde e nere - ironizza - Bisogna lavorare con quello che si ha, capire come sfruttarle, ma forse alcune sono più difficili da usare”.

Altro non aggiunge sull’argomento.

Adesso noi dobbiamo lavorare per essere più veloci in gara, a volte per me diventa difficile perché le mie sensazioni cambiano molto rispetto alle prove - continua - Dobbiamo trovare qualcosa di diverso, perché così non posso sfruttare il mio potenziale. Da questa situazione si può solo migliorare, dobbiamo trovare più grip. In Austria faremo un lavoro molto diverso”.

Vinales cerca in tutti i modi rimanere ottimista.

Non si perde né si vince un campionato in una gara - sottolinea - Non bisogna buttarsi giù, oggi tutto sommato sono stato fortunato a finire la gara, questi 2 punti potrebbero essere importanti. Non abbiamo perso la nostra velocità, dobbiamo solo capire le gomme”.

C’è chi dice che Marquez si sta sfregando le mani vedendo i suoi rivali più pericolosi non prendere punti.

Non penso a Marc, ho altri problemi - ribatte Maverick - Stiamo cercando di capire dov’è l’errore e non voglio puntare il dito contro nessuno. Non sono nemmeno preoccupato, bisogna solo trovare diverse soluzioni in modo da avere un asso della maniche nel caso che si ripresenti questo problema. Bisogna lavorare a stretto contatto con Yamaha per farlo”.

Share

Articoli che potrebbero interessarti