Moto3, Brno, Foggia conquista la prima vittoria, 2° Arenas, Antonelli 4°

Dennis Foggia si gode una magnifica affermazione dopo una gara perfetta. Volata per il podio sfuggito ad Antonelli per pochi centesimi. Arbolino 9° dopo un contatto con Arenas. Out Suzuki

Share


Dennis Foggia è sempre stato veloce, talentuoso e potenzialmente uno dei migliori talenti del vivaio italiano in Moto3. Mancava però la prima vittoria in gara, quel guizzo che gli consentisse probabilmente di fare quello scatto in avanti necessario per passare da promessa a promessa mantenuta. Oggi Foggia ha fatto quello scatto, conquistando una vittoria cristallina sulla tecnica Brno, un tracciato che permette al vero talento di emergere sempre.

Foggia ha sfruttato perfettamente una Honda messa perfettamente a punto dal Team Leopard, che per alcuni giri ha anche accarezzato il sogno della doppietta prima che Masia scivolasse a terra a pochi giri dalla bandiera a scacchi proprio mentre era secondo alle spalle del nostro Dennis. Poco male, perché la vittoria compensa ampiamente questa mancanza sul podio e permetterà senza dubbio a Foggia di dare un'inerzia completamente diversa alla sua stagione 2020, fino a questo momento non particolarmente ricca di soddisfazioni. 

In seconda posizione ha chiuso il coriaceo Arenas, sempre più leader del mondiale ed in grado di mettere in riga con una buona dose di aggressivià tutti i rivali per la corsa al titolo. Tatsu Suzuki è caduto nel tentativo di tenere il suo passo, mentre Tony Arbolino è stato di fatto estromesso dai giochi per il podio proprio per un ingresso particolarmete garibaldino di Arenas, che alla curva 1 l'ha letteralmente spinto fuori pista relegando il pilota dello Snipers in fondo al gruppetto di leader della gara e costringendolo a chiudere in 8a posizione con una buona dose di nervosismo addosso, probabilmente.

La manovra di Arenas non è stata eccessivamente aggressiva o meritevole di una punizione da parte dei commissari di gara, ma di certo può essere vista come un attacco leggermente border line. D'altra parte se vuoi giocarti il titolo in una categoria tosta come la Moto3, ogni tanto devi assestare qualche colpo di quelli da ko. Oggi Arenas ha centrato il proprio obiettivo ed adesso è in fuga in classifica. 

Sul podio è salito anche Ogura, capace di arginare il grande ritorno negli ultimi giri di Niccolò Antonelli. Il pilota del SIC Squadra Corse è stato autore di una rimonta perfetta, culminata in un 4° posto che non rende giustizia al potenziale che sembrava avere. Scattare più avanti in griglia gli avrebbe forse consentito di stressare meno le gomme in vista del finale di gara, quindi lavorare bene sulla strategia in qualifica sarà fondamentale per il futuro. 

In top ten ha chiuso anche Romano Fenati, che sta prendendo le misure alla Husqvarna/KTM del Max Racing Team e deve senza dubbio farsi vedere presto nelle posizioni che contano. Bene anche Stefano Nepa, 10° davanti a Toba e Binder e soprattutto dopo aver tenuto testa nel finale ad un gruppetto di agguerritissimi piloti che costituivano il secondo gruppetto in gara. Si leccano le ferite gli alfieri dello Sky Racing Team, con Celestino Vietti che ha chiuso in 13a posizione davanti ad Andrea Migno. Non è stata di certo la Brno che si aspettavano i due piloti della VR46 Racing Academy.

Questa la classifica del Gran Premio Moto3 a Brno

GARA MOTO3 BRNO

Questa la classifica del mondiale Moto3 dopo la tappa di Brno

CLASSIFICA IRIDATA MOTO3 DOPO BRNO

Share

Articoli che potrebbero interessarti