MotoGP, Bagnaia: "Il contratto? Penso solo a essere il più veloce sulla Ducati"

"Oggi ci sono riuscito, ma domani sarà diverso e le Yamaha più rapide. Marquez oggi ha fatto un miracolo a guidare nelle sue condizioni"

Share


La scorsa settimana non ci era riuscito per qualche centesimo, oggi Francesco Bagnaia non ha sprecato la sua seconda occasione e a Jerez ha piazzato la sua Ducati (quella con i colori Pramac) in prima fila. Per lui è l’esordio in testa allo schieramento, ma non è solo il giro secco il piatto forte di casa Bagnaia, anche il passo sembra essere quello giusto per mettersi in mostra.

“Prima di tutto dovrò riuscire a essere veloce per tutta la gara, perché la scorsa domenica dopo una decina di giri avevo iniziato a faticare con la gomma anteriore - ha ricordato Pecco - Per questo motivo abbiamo lavorato molto sul passo, usando pneumatici usati, e le FP2 e le FP4 sono stati importanti per consolidarlo”.

In gara, si sa, le cose potrebbero cambiare.

“Credo che il ritmo sarà più lento per tutti rispetto a oggi - ha anticipato - Mi sento fiducioso, ma so anche che le due Yamaha sono ancora un po’ più veloci di me. Io potrò contare sui punti forti della Ducati, frenata e motore, vedremo se riuscirò stare con loro”.

Valentino Rossi ha puntato su Pecco per il podio.

Bagnaia ha sorriso prima di rispondere: “il passo è buono, penso che i primi 10 giri saranno molto importanti per la gestione della gomma posteriore. Poi bisognerà vedere quali temperature ci saranno, con il caldo di oggi sarà una gara diversa. Mi sento a mio agio, proverò a stare con le Yamaha, sicuramente mi sento più pronto rispetto a una settimana fa.

Un buon risultato farebbe comodo anche per il suo futuro, considerato che non solo Bagnaia non ha ancora firmato il rinnovo, ma anche Dovizioso. Il che significa che c’è un posto libero nella squadra ufficiale.

Penso che l’unica cosa da fare per me in questo momento sia andare forte per poi potere firmare il contratto - ha detto - In questo momento sto solo pensando a rendere la Ducati più confortevole per me e guidarla al meglio. Rispetto allo scorso anno sono più forte in frenata, voglio solo capire la moto ed essere il più veloce pilota sulla Ducati. Oggi ci sono riuscito, ma la gara sarà domani e sarà tutto diverso”.

Prima di congedarsi, Francesco ha commentato il tentativo di correre di Marquez.

“Marquez questa mattina ha fatto un miracolo, salendo in moto a 4 giorni dall’operazione e girando in tempo molto veloci, soprattutto in condizioni difficili per tutti. A volte i dottori ti dicono che puoi provare, ma sono le tue sensazioni ad avere l’ultima parola”  ha detto.

Share

Articoli che potrebbero interessarti