MotoGP, Zarco: “Espargarò? ha sempre bisogno di prendersela con qualcuno”

“Non l’ho ostacolato. La mia fiducia con la Ducati sta migliorando, vorrei guidarla come se fosse una Yamaha”

Share


Zarco mi ha ostacolato”, così ha detto Pol Espargarò al termine della FP2 del venerdì pomeriggio. Immediata la risposta del francese: Sinceramente non sono sorpreso dalla sue parole. Lui è uno di quei piloti che bisogno di trovare sempre qualcuno con cui prendersela. Ho avuto modo di rivedere la sua caduta alla TV e sono rimasto sorpreso. Tra l’altro ero pure fuori traiettoria. Stamani invece non ho fatto apposta ad averlo rallentato, dato che io avevo terminato il mio giro e stavo rientrato ai box. Non mi sono accorto fosse dietro di me. Magari non ero completamente fuori dalla traiettoria, ma non sono un pilota che ostacola gli altri”.

Queste le parole di Johann Zarco dopo che l’ex compagno gli ha puntato il dito contro per il comportamenti visti in pista. A parte la polemica a distanza, il francese è soddisfatto per il lavoro svolto quest’oggi, a tal punto da aver chiuso la FP2 con il secondo crono alle spalle della Honda di Nakagami.

È stata una giornata positiva, soprattutto al pomeriggio – ha dichiarato il portacolori Avintia - in questi giorni ho pensato molto a come migliorare le mie sensazioni in sella alla moto e ad adattarmi alla Ducati. Al pomeriggio ho apportato alcuni cambiamenti che mi hanno consentito di migliorare e cercare di essere più veloce. Forse la prestazioni sul giro secco non sono ancora eccezionali, ma con la gomma soft sono riuscito a essere otto decimi più veloce rispetto a sette giorni fa al pomeriggio”.

Anche per Johann non è mancata una caduta in questo venerdì.

“Sono caduto perché ho sbagliato la staccata e di conseguenza è stato un mio errore. Dentro di me voglio migliorare la Ducati, cercando di farlo in fretta. In questo weekend mi sto concentrando sulla guida, provando a fare un passo avanti alla volta. La moto è molto forte in accelerazione, ma io devo cercare la giusta posizione in sella alla moto, al fine di avere uno stile naturale, ovvero ciò che ancora mi manca. Come  ho detto sto lavorando per crescere e cercare di essere competitivo, dato che è quello il nostro obiettivo”.

In questa prima giornata Zarco sta quindi cercando di studiare anche gli altri piloti.  

“La scorsa settimana ho seguito Jack, oggi invece sono rimasto a lungo dietro Fabio Quartararo. Cerco sempre di prendere il meglio di chi mi trovo davanti in pista. Ovviamente vorrei guidare la Ducati con uno stile fluido come facevo la Yamaha, anche se devo dire che la mia fiducia sta crescendo e inizio a controllarla. Studiare gli altri piloti è molto utile, perché capisco i miei punti di forza e quelli deboli”.

Zarco fissa infine l’obiettivo per il sabato.

“Devo continuare a lavorare per cercare di essere competitivo e riuscire ad arrivare in Q2. Purtroppo lo scorso weekend ho faticato, ma dentro di me ho la consapevolezza che il mio obiettivo è lottare con il gruppo dei migliori”.   

Share

Articoli che potrebbero interessarti