Tu sei qui

MotoGP, Hernandez: "Marquez? se vede un minimo spiraglio non si tira indietro"

"Nessuno avrebbe immaginato un recupero del genere, ma Marc è così, lui davanti a ogni situazione negativa cerca sempre di essere positivo"

MotoGP: Hernandez: "Marquez? se vede un minimo spiraglio non si tira indietro"

Share


Nel suo gruppo di lavoro non c’è forse nessuno che lo conosca meglio di lui. Stiamo parlando di Santi Hernandez, ovvero il capotecnico di Marc Marquez. Domenica scorsa, anche lui ha incitato il Fenomeno in occasione della super rimonta, finita poi rovinosamente nella ghiaia.

Inizialmente c’è stata la paura, poi venuta a meno quando è stato scongiurato il coinvolgimento del nervo. A cinque giorni di distanza dall’accaduto, l’otto volte iridato è tornato di nuovo a Jerez pronto a saltare in sella alla sua Honda. Lo farà in occasione della FP3 del sabato mattina e al suo fianco non potrà certamente mancare Santi Hernandez.

Eravamo preoccupati domenica scorsa perché non sapevamo realmente quale fosse la situazione – ha dichiarato il capotecnico ai colleghi di Sky – fortunatamente è andato poi tutto per il verso giusto. Non pensavamo a un recupero così veloce da parte sua dopo quella caduta. Se Marc è qua significa che potrebbe a correre e di conseguenza ha passato gli esami a cui si è sottoposto”.

Cosa pensi di questo recupero lampo?

Nessuno si sarebbe mai immaginato che Marc venisse qua, ma tutti noi sappiamo bene che pilota è. Lui è uno che resta sempre positivo davanti a una situazione negativa e credo che in quel momento abbia iniziato a pensare di provare a correre. Dico così perché appena Marc vede uno spiraglio ci vuole provare, anche se quello che conta è la giornata di domani, dato che dovremo capire le sue condizioni”.

Cosa ti aspetti da lui per questo weekend?

“La priorità ora è capire la sua condizioni fisica in occasione della FP3, in particolare per quanto riguarda la sua forza nel guidare la moto. È inutile pensare adesso che risultato possa ambire o meno in gara. Al momento, come ho detto, le sue condizioni sono l’aspetto più importante dopo l’operazione a cui si è sottoposto martedì”.

C’è fiducia da parte vostra o non manca un pizzico di preoccupazione?

“Speriamo che tutto vada per il verso giusto, non guardo al risultato, ma alla persona, che considero un amico prima di tutto”.  

Articoli che potrebbero interessarti