MotoGP, Alex Marquez: "La presenza o meno di Marc nel box non mi cambia"

"Condividiamo il motor home e parliamo spesso, ma non ho altro da dire. Oggi i distacchi tra i piloti si sono ridotti, sembra quasi di essere tornati alla Moto2"

Share


Ci siamo dovuti accontentare di vedere un solo Marquez quest’oggi in pista a Jerez, l’altro infatti lo vedremo soltanto domani. In casa HRC i riflettori del venerdì sono stati puntati esclusivamente su Alex, dal momento che Marc apparirà a partire dalle FP3.

Nonostante l’assenza del fratello, il rookie della classe regina ha lavorato in solitaria, portando avanti il proprio lavoro e chiudendo il venerdì con il 18° crono nella FP2 davanti a Cal Crutchlow.

“Il fatto che ci sia o meno Marc nel box non mi cambia più di tanto – ha esordito Alex – io sono infatti concentrato su me stesso e la mia moto. Di sicuro Marc è il punto di riferimento, anche se quest’oggi Nakagami ha mostrato di essere davvero competitivo, tanto da conquistare il miglior tempo nelle FP2 del pomeriggio con la gomma nuova. Lui su questa pista è stato molto forte in passato e oggi ha fatto vedere di essere veloce. Tendo sempre a confrontarmi con i piloti Honda più veloci e di conseguenza ho dato uno sguardo a Takaaki”.

Domani arriverà anche Marc nel box HRC.

“Marc non sarà al 100%, di sicuro le sue condizioni migliorano da un giorno all’altro, come normale che siano, ma come ben sapete non sarà al top della forma. Qua a Jerez io e lui condividiamo il motorhome, parliamo spesso, però non ho molto altro da dire a riguardo”.

Lo spagnolo traccia poi un bilancio del venerdì.

“Personalmente sono felice – ha commentato – sono riuscito a crescere, apportando alcune modifiche all’assetto. Ovviamente devo migliorare sotto diversi aspetti, uno di questi è il passo gara. Devo dire che rispetto a sette giorni fa il gap tra i piloti si è ridotto e sembra di essere per certi versi in Moto2, con tutti i piloti molto vicini. Cercherò quindi di sfruttare quell’esperienza per imparare e crescere velocemente durante questo weekend e le prossime gare, dato che avrò più informazioni”.

Il punto da cui si riparte è il 12° posto di domenica scorsa in gara.

“Lo scorso weekend ho faticato molto nelle curve, in particolare nel settore 1 e 3, quelli sono i più impegnativi per me. Sono riuscito a fare qualcosa di più in confronto allo scorso fine settimana, ma non è ancora abbastanza. Dentro di me ho la consapevolezza che ci aspetta un weekend impegnativo, in particolare domenica, dato che sarà ancora più caldo l’asfalto. Oggi ho cercato però di migliorare il più possibile la confidenza con la moto, anche se non è semplice per via delle condizioni climatiche”.    

Share

Articoli che potrebbero interessarti