Follie: Madboxer, la moto con motore boxer Subaru Impreza WRX

Il neozelandese Marcel van Hooijdonk ha costruito una moto intorno all'incedibile boxer 2.500 cc di una Subaru. Con 300 cv per poco più di 300 kg, promette di essere un bel "giochino"

Iscriviti al nostro canale YouTube

Share


Noi tutti, chi più, chi meno, apprezziamo le idee folli, come quella di costruire una moto intorno ad uno dei motori più iconici del panorama automobilistico. Parliamo del mitico boxer 4 cilindri della  Subaru Impreza WRX,  2.5 litri, circa 300 cavalli di potenza!

Battezzata Madboxer,  il progetto nasce dall'idea del neozelandese Marcel van Hooijdonk, che di lavoro fa il costruttore di utensili. Il tutto prende il via da una sfida con un amico. Marcel ha così iniziato acquistando un motore Subaru, un EJ25 turbo proveniente da una Subaru Impreza WRX di seconda generazione. 

Successivamente Marcel si è messo al computer per ipotizzare come realizzare la moto. “Dopo aver installato il blocco motore e le ruote, sono partito da AutoCAD; facendo disegni del mozzo di sterzo centrale, dei bracci oscillanti e dei lati del telaio principale. I disegni sono stati anche usati per programmare la macchina di fresatura ed il tornio a controllo numerico, che hanno scolpito i singoli pezzi della moto."

Seguendo il sistema di sterzo, Marcel ha acquistato online un serbatoio Kawasaki ed una più piccola turbina di una Subaru Legacy twin-turbo per sostituire il grande turbocompressore della WRX.

Marcel ha poi adottato un cambio automatico a 2 velocità, modificando una trasmissione finale a catena per trasmettere la potenza alla ruota posteriore. Il Madboxer ha pulsanti al manubrio pr cambiare le marce, mentre, per quanto riguarda i freni, sono di origine Buell.

Con un peso di circa 313,5 kg, è piuttosto pesante, ma con il motore boxer montato in basso, mantiene il baricentro piuttosto vicino a terra.

Alla fine del progetto Marcel ha poi combattuto con LVVTA (ente di riferimento in Nuova Zelanda) per ottenere l'omologazione come esemplare unico. Si, perché il suo non era un progetto per realizzare un oggetto, ma "Essere in grado di guidarlo su strada è stato l'obiettivo fin dall'inizio, quindi questo ha avuto un impatto sul progetto finale. Una volta ottenuta l'approvazione, puoi iniziare, ora è tutto fatto e legale al 100% su strada, devo dire che non è stato poi così male."

 

Fonte https://www.bikeexif.com/motorcycle-with-car-engine

Share

Articoli che potrebbero interessarti