Il flat track tricolore riparte a Terenzano nel segno di Cecchini

Nuova vittoria per il campione italiano e mondiale in carica, che continua a dominare e sogna lo sbarco nell'olimpo della specialità, gli Stati Uniti

Share


In questo weekend oltre a F1 e MotoGP sono scese in pista anche le moto del Campionato Italiano Flat Track. Una categoria dominata ormai da 6 anni da Francesco Cecchini, figlio di Fabrizio apprezzato tecnico ora in forze all'Aprilia Racing Team Gresini. Nella gara andata in scena sulla pista friulana, Cecchini e la sua Zaeta hanno continuato il loro monologo, dimostrando che nemmeno lo stop dovuto al COVID ne ha appannato il talento del romagnolo. 

Ma la vera notizia che circola nel paddock di Terenzano non ha a che vedere con il risultato sportivo. Sembra infatti che Francesco Cecchini, dopo il ritiro di Emanuele Marzotto che è stato per anni il suo unico avversario, stia valutando a sua volta un cambio di categoria.

Una mancanza di stimoli, di quella sana competizione che per un pilota è la vera benzina, anomala per un atleta di soli 23 anni ma che vince ininterrottamente dal 2014. Il sogno sarebbe quello (come già raccontato su questi schermi) di andarsi a confrontare con i migliori al mondo, negli Stati Uniti, un passo importante ma anche dovuto per il miglior talento europeo della categoria.

Il problema sostanziale è il budget, proibitivo per uno sport che non ha un seguito paragonabile al motociclismo su pista. Sempre che non arrivi una occasione importante, di quelle... capaci di riaccendere il fuoco del campione!

Share

Articoli che potrebbero interessarti