MotoE, Matteo Ferrari:"Non sarà semplice iniziare con questa pressione"

Nicolas Goubert: "Sarà una stagione emozionante, con tanti piloti veloci in grado di vincere". Tante le novità tecniche. Domani in pista con le prime libere con diverse incognite.

Share


Dopo la sospensione legata all’emergenza da COVID 19, la seconda stagione della MotoE World Cup è pronta a partire. I piloti della categoria elettrica debutteranno questo fine settimana sul tracciato di Jerez de la Frontera, con la prima gara prevista il 19 luglio e la seconda il 26 luglio. Un calendario che si articolerà su cinque appuntamenti, con sette gare totali.

“Siamo felici di tornare in pista in seguito al lungo periodo di inattività - ha dichiarato Nicolas Goubert, direttore esecutivo del campionato - siamo riusciti a gestire al meglio il calendario con Dorna, con sette gare in programma. Sarà una stagione interessante, con tanti piloti competitivi”.

Non mancheranno le novità tecniche, a partire dagli pneumatici. Michelin ha sviluppato delle gomme più stabili, mentre per quanto riguarda la moto c’è un nuovo sistema di raffreddamento della batteria - continua Goubert - senza tralasciare le diverse opzioni di set up della sospensione anteriore, grazie ad Ohlins. E’ stata rimandata l’introduzione dei sistemi di ricarica di seconda generazione a causa della cancellazione dei test invernali”.

Gli occhi del pubblico a casa saranno sicuramente puntati sul campione in carica Matteo Ferrari, terzo nelle prove di ieri. Per il pilota del Team Trentino Gresini si tratta di un anno importante, in cui dovrà dimostrare a tutti il proprio valore andando a difendere il titolo conquistato. Iniziare il campionato con maggior pressione non è semplice - ha esordito Ferrari – sono consapevole delle nostre potenzialità. Siamo veloci, lo abbiamo dimostrato nel corso dei test. Ieri abbiamo perso del tempo nella terza sessione, ma sono soddisfatto. Sarà una stagione diversa dal solito, in cui giocherà un ruolo importante la costanza”.

Chi è ansioso di riscattare un 2019 altalenante, conlcuso con la doppietta a Valencia, è sicuramente Eric Granado. Il pilota del Team Avintia Esponsorama è arrivato dal Brasile con alcune difficoltà logistiche. “Ringrazio infinitamente Nicolas Goubert e Dorna per l’aiuto datomi con alcuni documenti nelle scorse settimane - dice Granado – avere il passaporto spagnolo si è rivelato molto utile”.

Nonostante tali problematiche, il brasiliano si è dimostrato veloce nelle prove di ieri con il secondo tempo assoluto.“Sono contento del lavoro svolto fino a questo momento, il feeling con la Ego Corsa è ottimo - prosegue Granado - cercherò di migliorare i risultati dello scorso anno, senza fare troppi errori. Ci sono tanti piloti veloci e, avendo tutti la stessa moto, sarà una vera lotteria”.

La vera sorpresa dei test pre - season è sicuramente Dominique Aegerter. Passato quest’anno alla guida dell’Energica di Dynavolt Intact GP, si è adattato velocemente alle prerogative della categoria elettrica. Nella giornata di ieri si è messo in evidenza stampando il miglior crono in tutte le tre sessioni. I test sono stati decisamente positivi. Tutto è nuovo per me - dichiara il pilota svizzero - spero di compensare questo fattore con la mia esperienza. Non è stato semplice adeguare il mio stile di guida alla Ego Corsa, sono moto completamente diverse. Ma sono semplicemente test, cercheremo di fare del nostro meglio questo fine settimana”.

La MotoE scenderà in pista domani, alle 11:50, per la prima sessione di prove libere valida per il gran premio di Jerez. La stagione 2020 si preannuncia ricca di spettacolo, la caccia al trono di Matteo Ferrari è aperta.

Share

Articoli che potrebbero interessarti