MotoGP, Morbidelli: "Sono caduto per mancanza di concentrazione"

"Ho rallentato per evitare il traffico e non ho pensato alle gomme fredde, così sono scivolato. Le Yamaha sono davanti, ma Marquez è l'uomo da battere"

Share


La classifica parla della posizione numero 14, ma Franco Morbidelli può sorridere. Il bilancio della giornata che il romano traccia infatti è positivo, e la causa della posizione non propriamente entusiasmante è da ricercare in una caduta, che ha impedito a Franco di migliorarsi.

“Purtroppo quando sono entrato in pista con le gomme nuove per fare un buon tempo - spiega - ma sono scivolato alla curva 13: nel giro di ingresso ho rallentato tanto per uscire dal traffico, e quando ho ripreso a guidare non ero abbastanza concentrato. Non ho pensato così al fatto che la gomma fosse fredda, ed alla curva 13 sono finito a terra. La cosa che più mi dispiace è che sono caduto per una mancanza di concentrazione mentre non stavo spingendo, ma può capitare”.

A parte ciò Franco racconta belle sensazioni provate potendo di nuovo cavalcare la sua Yamaha M1.

“E’ stato davvero bello poter di nuovo entrare nel box, lavorare con il team e scendere poi in pista. Oggi volevo in primis riprendere confidenza con la moto, e le risposte direi che sono state confortanti sin dal primo giro. Certamente ci sono cose da migliorare, ma è normale vista la situazione che abbiamo passato”.

Il buon lavoro svolta da Yamaha è dimostrato anche dalla presenza di due moto di Iwata nelle prime due posizioni, anche se Morbidelli mette tutti in guardia su chi sia l’uomo da battere.

“Yamaha ha fatto grandi passi avanti per quanto riguarda i nostri punti deboli, ossia l’accelerazione e l’aderenza, come testimonia il fatto che dalla mattina al pomeriggio le mie prestazioni non sono peggiorate, nemmeno con gomma usata. Aldilà della classifica il più veloce di oggi con gomma usata è stato Marquez, che attualmente è l’uomo da battere su questa pista”.

Share

Articoli che potrebbero interessarti