MotoE, Aegerter domina nei test, terzo Matteo Ferrari. Caduta per Zaccone

Il campione in carica Matteo Ferrari si concentra sul passo gara e ottiene il terzo tempo alle spalle di Eric Granado. Caduta nel corso della terza sessione per Alessandro Zaccone, a rischio il fine settimana

Share


Talvolta non sempre cambiare equivale a migliorare, ma per farlo bisogna cambiare. Questo è il caso di Dominique Aegerter, assoluto dominatore della giornata di test a Jerez de la Frontera riservata alla MotoE. Dopo la sospensione legata all’emergenza da COVID 19, anche la categoria elettrica è scesa in pista assieme alle altre classi del Motomondiale in vista del primo appuntamento stagionale previsto questo fine settimana.

Aegerter, passato quest’anno in sella all’Energica di Dynavolt Intact GP, si è rivelato l’uomo da battere. Lo svizzero è stato in grado di ottenere il miglior tempo in tutte le tre sessioni odierne, registrando un interessante 1’48”596 proprio nell’ultima. Costante sul passo gara e veloce sul giro secco. Un primo approccio positivo per il pilota di Röthenback, adattatosi velocemente alla guida impegnativa della Ego Corsa dopo un lustro passato in Moto2. Siamo solamente all’inizio, reduci da un lungo periodo di inattività. Ma chi ben comincia è a metà dell’opera, come si usa dire.

Chiude in seconda posizione Eric Granado (Avintia Esponsorama), staccato di ben 445 millesimi dalla vetta con il tempo di 1’49”041, ansioso di riscattare un 2019 altalenante. Terzo, invece, il campione in carica Matteo Ferrari a pochi millesimi dal brasiliano. Il portacolori del Team Trentino Gresini si è concentrato sul lavoro in ottica gran premio di domenica, senza cercare troppo l’attacco al tempo. Per Ferrari si tratterà di una stagione importante, in cui dovrà dimostrare a tutti il proprio valore andando a difendere il titolo conquistato.

Il feeling con la moto è buono, sono contento di quanto fatto oggi. Purtroppo non sono riuscito a migliorarmi nella FP3 a causa della bandiera rossa e di un piccolo problema tecnico - dice Matteo Ferrari - ma siamo solamente al mercoledì. Nei prossimi giorni continueremo su questa strada, cercando di trovare il set up più redditizio”.

Buona quarta posizione per Xavier Simeon, nuovo alfiere del Team LCR, a precedere un ritrovato Alex de Angelis con OCTO Pramac. Il pilota sammarinese si è confermato su ottimi livelli in tutti i turni, sempre a ridosso della zona podio. In virtù delle migliorie portate a livello di pneumatici da Michelin, più efficienti e più ecologici, queste prove sono state di vitale importanza. Ne è un esempio il settimo posto per l’esperto Niccolò Canepa (LCR), subito a suo agio con la nuova carcassa anteriore più rigida portata in Spagna, ad oltre un secondo.

A ridosso della top ten gli altri italiani presenti in griglia: undicesimo Tommaso Marcon (Tech-3), reduce da un infortunio al legamento del ginocchio destro, a seguire Matteo Casadei con SIC58. Tredicesimo Alessandro Zaccone, protagonista di una scivolata nel corso del terzo turno di prove alla curva 11. La caduta ha causato l’esposizione della bandiera rossa, per il pilota Gresini una forte contusione ad un ginocchio.

"Spero di poter correre domenica - dice Zaccone - mi si è chiuso l'anteriore alla curva 11. Il colpo è stato forte, ho un ginocchio molto gonfioDomani dovrò effettuare alcuni controlli, ma la volontà è quella di gareggiare".

La MotoE adesso tornerà in pista venerdì mattina per le prime prove libere valide per il gran premio di Jerez, con i tempi che andranno a scendere sensibilmente nel corso del fine settimana.  La caccia al trono di Matteo Ferrari è aperta.

 

Share

Articoli che potrebbero interessarti