Torino: ricambi falsi per Fiat, Porsche, Lancia ed Alfa Romeo

Scoperto il laboratorio dei pezzi di ricambio contraffatti. 40.000 le parti sequestrate

Share


Il mercato delle auto d'epoca ha un giro pazzesco. Questo però vale anche per le auto moderne, che richiedono magari meno ricambi, ma non sono esenti da manutenzione. Parliamo dunque di pezzi di ricambio, e di due imprenditori del settore automotive che si sono beccati una bella denuncia in quel di Torino per contraffazione e frode in commercio. La Guardia di Finanza del capoluogo piemontese è dunque intervenuta, sequestrando la bellezza di 40.000 pezzi di ricambio contraffatti.

I pezzi, erano delle perfette repliche e peggio, erano tutti riportanti i marchi delle rispettive aziende di auto. La G.d.F. ha così scoperto due sedi, una di smistamento a Torino, ed un'altra di produzione a Carmagnola. Nel capannone di Carmagnola, grazie ad apparecchiature digitali di ultima generazione e macchinari appositi, venivano realizzati migliaia di parti. Le più gettonate? Fiat, Alfa Romeo, Lancia e Porsche. Inutile dire che le aziende citate erano ignare della cosa.

L'operazione della Guardia di Finanza ha portato al sequestro di tutto, ivi compresi i macchinari per la realizzazione dei particolari. Questi, venivano smistati e venduti non solo in Italia. Il grosso del “fatturato”, arrivava infatti da Belgio, Germania e addirittura in Cila e Stati Uniti d'America.

 

Share

Articoli che potrebbero interessarti