Ferrari perde la guerra legale per repliche della mitica 250 GTO

La Casa di Maranello ha perso la causa contro Ares Design . Nessuna proprietà sul design della vettura. Vedremo moltiplicarsi le "simil 250 GTO"?

Share


Ferrari contro Ares Design. Un duello che dura da un po', ma che ha visto la sconfitta (incredibilmente) per la seconda della Casa di Maranello. Tutta “colpa” della Ferrari 250 GTO, una delle auto più simboliche del Marchio del Cavallino rampante. Di cosa parliamo? Di una battaglia legale legata ad un marchio ovviamente. Ferrari non ha diritti, a livello di design, sulla carrozzeria di quest'auto, quindi si apre la possibilità di repliche e simili.

Un anno di battaglie

Tutto è iniziato esattamente un anno fa, più precisamente nel giugno del 2019, quando la Casa di Maranello è andata in Tribunale a Bologna. L'accusa? Una replica della storica auto da parte di Ares Design. Inizialmente a Bologna la ragione era andata a Ferrari, ma Ares Design non si è fermata, bussando la porta al Cancellation Division dell’European Union Intellectual Protection Office. La ragione del poter creare una replica? Ferrari non aveva messo il suo marchio del 2008 in uso effettivo per un periodo continuo di cinque anni. Come è finita? Ferrari ha perso.

Le “ragioni” di Ares Design

Nel documento depositato all'EUIPO, gli avvocati della Ares Design hanno così dichiarato in merito al marchio: “...depositato in malafede, vale a dire come marchio difensivo a fine di bloccare la produzione e la vendita di auto sportive costruite in modo simile da terze parti“. Il costruttore di auto di lusso, ha così portato avanti la tesi che Ferrari non ha utilizzato il disegno contestato dal 1967. Inoltre, Ares Design, quando presentò il marchio UE nel 2007, non avrebbe mai avuto intenzione di utilizzarlo. Per l'UE, il Marchio del Cavallino non avrebbe dunque dimostrato l'autenticità per un determinato numero di merci, ma solo per modellini giocattolo. Potremmo dunque vedere una replica su base Ferrari F12 o 812 Superfast. Preparate l'assegno...

Share

Articoli che potrebbero interessarti