SBK, Razgatlioglu: “La caduta? Quattro mesi senza correre si fanno sentire”

“È stato più o meno un highside e ho male dappertutto. A fine test ho però ritrovato la 'mia' Yamaha, sto dando tutto me stesso per stare con i migliori"

Share


Nella top five del giovedì di Barcellona spicca anche la Yamaha di Toprak Razgatlioglu. Una due giorni non certo semplice per il pilota turco, che si è trovato a fare i conti con una pista inedita e tanto materiale da provare. Dopo le difficoltà del mercoledì, il portacolori PATA strappa però un sorriso.

“Ieri non ho trovato quelle sensazioni che volevo - ha esordito il turco – stamani invece sono riuscito a partire meglio, riuscendo a guidare come sono capace. Questo test è stato molto importante per me, dato che si trattava della mia prima volta qua a Barcellona. Ho avuto modo di scoprire la pista attraverso la PS4 ed è fantastico”.

Quest’oggi Toprak ha dovuto fare i conti con una caduta.

Ho rimediato una brutta caduta, ma nulla di grave. È stata una caduta molto simile a un highside e ora mi fa male da tutte le parti. Credo che il dolore sia dovuto al fatto che siamo rimasti fermi per la diffusione del Coronavirus (sorride)”.

L’alfiere Yamaha spiega poi quanto fatto oggi

“Ci siamo concentrati su elettronica e sospensioni per essere più competitivi in curva. Come detto, oggi mi sono sentito meglio e di conseguenza sono felice. Ho trovato la giusta strada da seguire, riscoprendo la mia R1 e voglio rimanere fiducioso. Adesso tornerò a casa e cercherò di rimanere in forma per Jerez”.

Infine Razgatlioglu tiene vivi i suoi sogni iridati.

“Il mio sogno è lottare per il Mondiale e in questa stagione sto dando tutto me stesso per essere vicino ai migliori. Credo che siamo veloci e questo è un aspetto che mi regala fiducia in vista della ripartenza”.  

Share

Articoli che potrebbero interessarti