Prova Honda Civic, design sportivo per gente sportiva

La berlina giapponese più longeva sul mercato, si presenta con un design ricercato e sportivo. La tecnologia a bordo non manca, ma la nuova Civic convince di più alla guida, dove spicca per l’ottima tenuta di strada

Iscriviti al nostro canale YouTube

Share


La Honda Civic è una vettura da record, almeno per due motivi. Il primo è legato alla sua longevità, dato che è prodotta sin dal 1972 ed è giunta alla sua 10a generazione; il secondo è la sua lunghezza di 452 cm, che ne fa la segmento C più lunga sul mercato.

Il primo modello, la prima generazione della vettura nipponica, fu creato per soddisfare l’esigenza di un pubblico più ampio, che cercava nel marchio Honda un’utilitaria da poter utilizzare tutti i giorni.

Infatti, la sua linea non era così lontana dalle concorrenti europee. Col passare degli anni la Civic mantiene il concetto di auto utilitaria e famigliare, ma cresce sempre di più nelle dimensioni fino ad essere promossa nel segmento delle berline medie. Nel 1997 con la sesta generazione, si ammira la prima TYPE-R.

ESTERNI DECISI DALLE LINEE “SPAZIALI” E DECISAMENTE SPORTIVE

L’allestimento Executive Sport Line mette in risalto il design super ricercato della nuova Civic, con linee tese e aerodinamiche presenti in tutta la carrozzeria. Per gli amanti delle serie Fast and Furious, impossibile non immaginarla in tinta bicolore con un bel car wrapping dedicato.

Si fanno notare poi i paraurti con finte prese d’aria, la mascherina ad effetto tridimensionale ed i gruppi ottici Full-LED, che accentuano il profilo aerodinamico. Minigonne con finitura nero lucido e cerchi in lega sportivi, bruniti da 17 pollici completano il quadro. Il posteriore presenta invece un doppio spoiler, mentre non manca un generoso estrattore e fari stilizzati, rigorosamente in tecnologia LED. Peccato non vi siano i terminali di scarico a vista.

INTERNI, HA TUTTO CIO’ CHE SERVE ED AMPIO E’ LO SPAZIO

L’abitacolo si presenta meno sofisticato e particolare rispetto alla carrozzeria, ma è ben realizzato. Linee semplici, con elementi ed impostazioni funzionali ed un design curato.

Ciò che colpisce è che tutto è a portata di mano e che la lunghezza di 452 cm premia, con uno spazio ampio per tutti i passeggeri, così come ampio è il bagagliaio, che risulta essere uno dei più capienti. La tecnologia di bordo non manca, con quadro strumenti digitale e sistema infotainment posto su display touchscreen da 7 pollici (compatibile con Apple CarPlay e Android Auto). Convince di meno il software, che graficamente risulta essere un po’ datato. Alcune funzioni sono gestibili in modo alquanto macchinoso, soprattutto se confrontate con gli ultimi sistemi presenti su alcune vetture della concorrenza.

Tanto spazio e numerosi son i vani dedicati porta bibite, oggetti e smartphone, anche se si avverte una qualità delle plastiche, nella parte bassa, migliorabile.

988 CC SEMBRANO POCHI, MA QUESTA CIVIC HA BEN 126 CV

Su una vettura che pesa 1.281 kg e con una lunghezza che supera i 4 metri e mezzo, montare un motore in piena filosofia downsizing (un 3 cilindri da un litro di cilindrata) potrebbe sembrare per tutti una follia, ma non lo è per Honda. Il 3 cilindri sfrutta la tecnologia VTEC, è spinto dal turbo e fa di questa piccola unità a benzina un gioiellino dalla potenza di 126 CV. Cavalli sufficienti per spostare egregiamente la berlina del Sol Levante.

Di certo, non possiamo aspettarci un’accelerazione bruciante, ma la ripresa ai medi regimi, una volta superata la soglia dei 2.250 giri circa, soddisfa anche i più maliziosi. Allo stesso tempo però, non si può pretendere troppo, la corsa della lancetta finisce a 5.600 giri, riportandoci bruscamente ai limiti del piccolo 3 cilindri. Il cambio manuale a 6 rapporti è invece assolutamente eccellente. E’ a leva corta, posta un po’ in alto, ma facile da utilizzare. Gli inserimenti sono precisi e diretti. Poter cambiare spesso le marce per abbattere i consumi è solo un gran piacere.

Anche i consumi soddisfano, stiamo pur sempre parlando di un benzina alquanto “pompato” ed i valori reali variano dai 14,5 km/l ai 16km/l, in base anche a quante volte utilizziamo la modalità di guida “ECON”.

Dai nostri rilievi abbiamo constatato che a 90 km/h, il numero dei giri è di 2.050 ed il consumo medio è di 4,0 l/100 km. A 110 km/h, il numero dei giri si attesta a 2.500 ed il consumo medio è di 4,8 l/100 km, mentre a 130 km/h, si è appena sotto la soglia dei 3 mila (2.980 giri per la precisione) ed il consumo medio è di 6,5 l/100 km, sempre in sesta marcia.

OTTIMA STABILITA’, TRAIETTORIE PRECISE E STERZO A DEMOLTIPLICAZIONE VARIABILE

Rispetto alla versione precedente la nuova Honda Civic guadagna al retrotreno sospensioni di tipo Multilink, mentre all’anteriore vi sono le irrinunciabili MacPherson. Anche il telaio è nuovo, composto da materiale ultra leggero ad alta resistenza. L’assetto è ben tarato, è sostenuto, ma non tanto da essere fastidioso, nemmeno su dossi e pavè. Notevole è l’esperienza in curva, con traiettorie che diventano millimetriche nella precisione, grazie allo sterzo a doppio pignone con rapporto di demoltiplicazione variabile. Ad esempio: in rettilineo piccoli movimento dello sterzo provocano minori variazioni di traiettoria, viceversa, in piena curva ed in base all’angolo di sterzata, basta un movimento minore sul volante per inserirsi rapidamente.

Non solo, è presente un sistema di ammortizzazione di tipo adattivo, che può accentuare il piacere di una guida dinamica. Il comparto sospensioni è di livello, in curva non resta altro che divertirsi in piena sicurezza, in quanto non si soffre dell’effetto del rollio, merito anche dell’altezza della vettura. I freni hanno un bel mordente, anche se nella guida più estrema tendono ad affaticarsi leggermente.

IDEALE PER I VIAGGI, MA SI GUIDA CON PIACERE TUTTI I GIORNI

Il motore è piuttosto silenzioso, specie se non si sale troppo nel numero di giri, ma l’abitacolo a velocità di crociera autostradale non è così ben insonorizzato come ci si aspetta. Il rotolamento degli pneumatici si fa sentire, infatti.

L’impugnatura del volante e la qualità è buona, ma i comandi non sono sempre gradevoli al tatto ed a tratti possono risultare poco intuitivi. Bisogna inizialmente farci l’abitudine, per poi mano a mano utilizzare tutte le funzionalità con maggior disinvoltura.

I sistemi di ausilio alla guida del pacchetto ADAS vi sono tutti e vanno sotto il nome di Honda SENSING. Funzionano tutti egregiamente, anche se la nostra impressione è che frenata di emergenza automatica ed il rallentamento mentre si utilizza il cruise control adattivo risultano essere fin troppo sensibili. Le impostazioni possono essere modificate tramite il sistema infotainment, ma solo a vettura ferma, rendendo così difficile percepire immediatamente le differenze.

I sedili sono comodi, buona è la posizione di guida e si ha un’ottima visuale. Si è seduti in basso, come è giusto che sia per questo tipo di vetture.

La vista dalla parte posteriore attraverso il lunotto è divisa in due, però fatta l’abitudine si ha una visibilità non del tutto compromessa. In caso di parcheggio, ci affidiamo ai sensori ed alla telecamera posteriore.

LA HONDA CIVIC CONVINCE PER SPAZIO E GUIDABILITA’

Avendo un aspetto marcatamente sportivo la Honda CIVIC è l’auto ideale per i giovani, ma lo è anche per la famiglia.

Lo spazio a bordo è più che sufficiente ed il motore consuma poco e spinge quel che basta. Di certo l’allestimento Executive Sport Line si sposerebbe meglio con una cavalleria maggiore. Diversi saranno infatti gli sguardi degli altri utenti stradali che, visto il look di questa Civic si aspetteranno un sound “cattivo” del motore uscire dagli scarichi. Meglio lasciarli nel dubbio.

Il prezzo parte da 23.450 euro, arrivando fino a 29.850 euro per la vettura da noi provata.

PREGI

- Spazio a bordo
- Vettura molto stabile in curva
- Per essere un 1000 di cilindrata, il motore gira bene

DIFETTI

- Sistema infotainment non tra i più moderni
- Gli interni potrebbero essere più curati nei materiali
- Bocchette posteriori mancanti

LE NOSTRE NOTE

- Cassetto lato passeggero capiente
- Ottimo vano porta smartphone, con relative prese di ricarica
- Buona gestione dell’audio, facile navigare tra le cartelle delle playlist
- La parte audio non è delle più raffinate, ma l’impianto suona comunque bene
- Ottimo il bagagliaio, sia per capacità che per l’ampia apertura del portellone. Solo un po’ alta la soglia di carico
- Abbiamo avvertito qualche piccolo scricchiolio a motore freddo

SCHEDA TECNICA

- Alimentazione motore Benzina / EURO 6D TEMP
- Cilindrata 988
- Numero cilindri 3
- Tecnologia VTEC – Turbo
- Potenza massima 93 kW (126 CV) a 5.500 giri
- Coppia massima di 200 Nm a 2.250 giri
- Cambio manuale a 6 rapporti + retromarcia
- Velocità Max 205 km/h
- Accelerazione da 0-100 km/h in 11,2 secondi
- Consumo medio 4.8 l/100 km (dichiarato)
- Lunghezza 452 cm; larghezza 180 cm; altezza 143 cm
- Capacità bagagliaio 478 litri espandibili a 1245
- Massa 1.281 kg

Share

Articoli che potrebbero interessarti