MotoGP, AIPS: "GP senza giornalisti? Dorna lede il diritto di informazione"

L'Associazione Internazionale Stampa Sportiva ha preso posizione contro la decisione di ammettere solo le TV alle gare

Share


Lo si potrebbe definire come un braccio di ferro a tutti gli effetti. Da una parte c’è infatti la Dorna, dall’altra l’Associazione Internazionale della Stampa sportiva. Come ben sappiamo, secondo il protocollo AntiCOVID diramato dalla Dorna ai team, questo prevede tra i punti l’esclusione della stampa alla ripartenza del Mondiale, previsto il prossimo 19 luglio a Jerez.

Al fine di ridurre il numero di presenze nel paddock, l’Organizzatore ha infatti deciso che gli unici organi di informazione che possono avere accesso in circuito sono coloro che detengono i diritti televisivi, a cui si aggiungono una cerchia ristretta di fotografi selezionati.

Una scelta che non va del tutto giù all’AIPS. In queste settimane alcuni degli esponenti della carta stampata hanno infatti cercato di trovare un punto di incontro con la Dorna, ma ogni proposta è stata rispedita al mittente. Dorna è stata infatti chiara e intransigente: no ai media nel paddock, ad esclusione delle tv che detengono i diritti televisivi e ad alcuni fotografi appositamente selezionati.

A tal proposito l’Associazione Internazionale della Stampa sportiva non condivide tale scelta, perché va a ledere il diritto di informazione. L’AIPS chiede quindi all’Organizzatore di rivedere tale posizione, sperando in un’apertura in occasione della tappa del 9 agosto in Repubblica Ceca.

Occhio però, che su questo punto rischia di crearsi una spaccatura tra MotoGP e Superbike. Già, perché sul tema legato ai media, la Superbike potrebbe seguire un diverso protocollo. Visto il numero altamente ridotto di coloro che sono in possesso di un pass media permanent nel paddock delle derivate, la Dorna potrebbe infatti valutarne l’accesso in occasione della ripartenza. Questo è infatti uno dei temi caldi di cui si sta discutendo in Spagna.

Ecco il testo integrale riportato dal sito dell'Aips: "Il mondiale MotoGP inizierà a Jerez il 19 luglio, con il GP di Spagna, seguito la settimana dopo dal GP di Andalusia, sulla stessa pista. La stagione ridotta si svolgerà per il momento su 13 gare, tutte in Europa: in Repubblica Ceca (Brno), Austria (Spielberg, 2 gare), Italia (Misano Adriatico, 2), Francia (Le Mans) e ancora Spagna (Aragon(2), Barcellona e Valencia(2). Ulteriori gare in Thailandia, Malesia, Usa e Argentina potrebbero essere aggiunte se fosse possibile averle con gli spettatori in tribuna. La Dorna Sports, che organizza MotoGP e Superbike, ha definito un protocollo che consentirà solo ai titolari dei diritti TV e a un numero selezionato di fotografi di prendere parte al fine settimana di gara, non permettendo la presenza della stampa scritta, che gioca un fattore importante nel racconto e nel successo dei campionati mondiali"

Share

Articoli che potrebbero interessarti